in

Riforma pensioni 2015: lavori usuranti, precoci e pensione anticipata rinviati a marzo?

Il premier Matteo Renzi insieme con il ministro del Lavoro Giuliano Poletti hanno detto in tutte le salse che il mese di febbraio dovrà servire a completare i decreti attuativi del Jobs Act. Malgrado le tante prese di posizione e i tanti annunci il tema della Riforma pensioni 2015 non sarà affrontato prima del mese di marzo, riguardo i lavori usuranti, per coloro che possiedono i requisiti, scade il termine per la presentazione delle domande di pensionamento anticipato.

In tema di pensioni per i lavoratori precoci si aspetta la definizione di una misura che preveda l’opportunità di uscire dal lavoro con 42 anni di contributi senza limiti di età. Per ottenere il riconoscimento di lavoro usurante, i lavoratori impegnati in queste occupazioni, devono presentare all’Inps la domanda di pensione non oltre il primo marzo 2015 per ottenerne il riconoscimento.

Gli aventi diritto sono quei lavoratori che hanno svolto attività usuranti per un minimo di sette anni negli ultimi 10 di lavoro e che arrivano alla quota di 97,3 con un minimo di 35 anni di contributi e 61 anni e tre mesi di età anagrafica, raggiungendo questi requisiti entro il 2015. Mentre la domanda di pensione effettiva, dopo l’accoglimento della prima, deve essere presentata entro ottobre 2015.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Mostro di Foligno, giudici respingono scarcerazione: “E’ ancora socialmente pericoloso”

Terence Hill

Un Passo dal Cielo 3 anticipazioni 9 febbraio 2015: cosa è successo a Pietro?