in

Riforma pensioni 2015 news: proposta pensione anticipata a 60 anni con 35 anni di contributi

La nuova presidenza dell’Inps affidata al bocconiano Tito Boeri ha incentivato tante discussioni ed aspettative attorno al tema previdenziale ed al pensionamento anticipato. Le poche novità contenute nella Legge di Stabilità con le comprensibili delusioni per le aspettative di molti ora lasciano il posto alla speranza che il neo presidente dell’Inps, che ha espresso tante opinioni contrarie alla Riforma Fornero, possa attivare decisioni per rendere più flessibile l’uscita anticipata dal lavoro.

Per il 2015 si aspettano novità rilevanti sulla flessibilità in uscita, molto utili ai lavoratori precoci e logori che sono rimasti bloccati al lavoro dallo scalone imposto dalla Legge Fornero e ai lavoratori giovani che, attraverso un ricambio generazionale, troverebbero più facilmente accesso alla realtà lavorativa.

Già è in campo la proposta di Italia dei Valori che riprende quella dell’Ex ministro Cesare Damiano in cui sarebbe prevista la possibilità di scelta per i lavoratori di andare in pensione anticipata con 35 anni di contributi in una fascia di età da 60 a 70 anni, con un sistema di premi e penalità a decrescere. Molti lavoratori sarebbero ben contenti di veder attuata la proposta di Damiano che, in tal senso, sollecita l’iniziativa del governo Renzi per dare la possibilità della pensione anticipata a 62 anni d’età e 35 di contributi con premi e penalizzazioni o attraverso il meccanismo della Quota 100, con la decurtazione dai 62 anni pari al 2% per anno di anticipo prima dei 66 previsti nella Legge Fornero e premi equivalenti da 66 ai 70.

elenco donne vip 2014

Le 10 donne del 2014: per loro un anno di successi e grandi vittorie

Massimo Bossetti incastrato da celle telefoniche

Caso Yara, Massimo Bossetti incastrato dalle celle telefoniche: 10 volte vicino a lei prima dell’omicidio