in

Riforma pensioni 2015, revisione legge Fornero: le proposte di modifica fatte dal governo

Quali soluzioni proporrà il governo Renzi per ovviare alla sonora bocciatura fatta dalla Consulta alla proposta di un referendum abrogativo della riforma Fornero? Le misure vagliate sono più d’una. Il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, ha annunciato infatti la imminente necessità di rendere più flessibile l’uscita dal mondo del lavoro. Come? Non cancellando la legge Fornero ma adeguandola alle esigenze di chi è vicino alla maturazione dei requisiti per accedere alla pensione e di chi ha perso il lavoro e non gode di ammortizzatori sociali che permettano di maturare i succitati requisiti.

=> Leggi tutto sulla riforma delle pensioni

Queste le proposte relative al delicato tema della riforma previdenziale:

Ipotesi di adeguamento: estensione a tutti dell’opzione donna con probabile modifica del requisito anagrafico, attualmente fissato a 57 anni e 3 mesi, che potrebbe essere posticipato a 62 anni e 3 mesi più 35 anni di contributi. Per chi accedesse mediante questo metodo verrebbe però rieffettuato un ricalcolo della pensione con sistema contributivo. I pensionamenti flessibili proposti dal Presidente della Commissione lavoro alla Camera, Cesare Damiano, prevedono un’uscita dal mondo del lavoro a 62 anni e 35 anni di contributi ma con una penalizzazione del 2% sulla quota calcolata con il sistema contributivo per ogni anno di anticipo.

C’è poi la Quota 100, ovvero un sistema con il quale il lavoratore potrebbe ottenere la quiescenza attraverso la somma dell’età anagrafica con gli anni di contribuzione; in altre parole una pensione anticipata a chi raggiunge la quota 100 sommando età anagrafica (minimo 60 anni) e anzianità contributiva (che deve essere minimo di 35 anni). Il prestito previdenziale prevede invece un assegno temporaneo di 760-800 euro mensili, concesso al lavoratore in attesa della pensione di vecchiaia. Un’indennità, questa, che verrebbe corrisposta sol a chi è a pochi anni dalla maturazione dei requisiti richiesti. Si tratterebbe di un prestito restituito attraverso un prelievo dall’assegno pensionistico.

scissione movimento cinque stelle

Scissione Movimento Cinque Stelle, Di Battista: vogliono distruggerci

Il bambino con il pigiama a righe su Rete4

Stasera in tv: Coppa Italia Milan-Lazio e Il bambino con il pigiama a righe