in

Riforma pensioni 2015 ultime notizie: primi rimborsi ad agosto, ma non per tutti

Ormai ci siamo. La tanto discussa riforma pensioni 2015 entra nel concreto e, il 3 agosto prossimo, arriveranno i primi rimborsi. Sono 3,7 milioni di pensionati che godranno del rimborso previsto a seguito dell’approvazione con sentenza del decreto legge, da parte della Corte Costituzionale, che ha bocciato il blocco dei trattamenti voluti dalla riforma Fornero. Inoltre, la decisione di allungare i tempi per la consegna del 730, si traduce in conguagli versati in maniera scaglionata.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

Come è stato stabilito dal Governo e visti i problemi per l’introduzione del 730 precompilato, il termine ultimo per la presentazione della dichiarazione dei redditi è slittata dal 7 al 23 luglio. Di conseguenza, i pensionati riceveranno i rimborsi 730 nel periodo di agosto solo se hanno trasmesso la dichiarazione dei redditi entro il 20 luglio. Per le domande presentate dopo, il conguaglio è previsto per settembre. Specificatamente, il conguaglio arriva ad agosto per coloro i quali hanno inviato la loro domanda entro il 30 giugno, per tutti gli altri, invece, se ne riparlerà a settembre. Il rimborso, inoltre, è previsto anche per gli eredi di chi è deceduto ma bisogna presentare domanda all’Inps entro 5 anni.

É evidente che rimborsare tutti sarebbe stato impossibile: si parla, infatti, di circa 20 miliardi di euro di spesa. Il Governo Renzi, per questo motivo, ha deciso di rimborsare circa 3,7 milioni di pensionati per un totale di 2,2 miliardi di euro. In particolare, il rimborso è previsto soprattutto per le fasce di reddito più basse che, tra l’altro, sono state quelle più penalizzate dal blocco delle rivalutazioni. Infatti, chi percepisce una pensione lorda superiore ai 3.200 euro al mese, non avrà alcun rimborso. Idem per i pensionati che godono di assegni inferiori a tre volte il minimo, che di conseguenza non sono stati colpiti dalla riforma Fornero. A godere del rimborso saranno coloro i quali ricevono un assegno che va dai 1.500 ai 1.700 € lordi al mese, che beneficeranno di circa 726 euro, coloro che percepiscono 2.200 € lordi al mese e che andranno a riprendersi circa 456 €, mentre per le pensioni attorno ai 2.700 € lordi, riceveranno un indennizzo da 278 euro. 

Written by Giuseppe Cubello

Studente all'Università Magna Graecia di Catanzaro. Innamorato dello sport. Sogno di diventare presto giornalista pubblicista.

F1, GP d’Ungheria: Vettel torna a vincere, tonfo Mercedes

Kishna

Calciomercato Lazio ultimissime: Kishna ufficiale per 4 milioni di euro