in

Riforma pensioni 2015 ultime notizie: Quota 41 e pensione di vecchiaia, Maria Luisa Gnecchi risponde ai lavoratori precoci

L’onorevole Maria Luisa Gnecchi del PD, componente della Commissione Lavoro della Camera ha chiesto al Governo una risposta immediata in Commissione in merito all’adeguamento dei requisiti di accesso al pensionamento agli incrementi della speranza della vita, che dal 10 gennaio 2016 sarebbe incrementato di ulteriore quattro mesi, mentre in questo momento la priorità dovrebbe essere quello di garantire un lavoro ai giovani con la staffetta generazionale. Tra l’altro questo ulteriore aumento dell’età anagrafica per uscire dal lavoro andrebbe a penalizzare ancora di più quei lavoratori precoci che potevano accedere alla deroga prevista nel decreto legge 201 del 2011.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

Si rende ancora più complicata sostenere le persone già in difficoltà, si fa un ulteriore danno alle donne che erano prossime ai 60 anni entro la fine della mobilità e con il brusco aumento dell’età per la pensione di vecchiaia, previsto con la legge Fornero, finiscono con il trovarsi per ben sette anni senza lavoro, né ammortizzatori sociali, né pensione.

Tra l’altro l’aspettativa di vita, calcolata sui dati medi, crea altre disuguaglianze, poiché e differenze sociali interferiscono sulla longevità e quei soggetti che hanno avuto mansioni lavorative più basse e già hanno versato 40 anni di contributi rischiano di usufruire del trattamento previdenziale per diversi anni in meno rispetto ad altri lavoratori. Queste motivazioni dovrebbero spingere ad adottare la Quota di 41 anni di contributi senza limiti di età per coloro che hanno iniziato l’attività lavorativa intorno ai 15 anni e che ancora svolgono lavori manuali. Il Governo ha risposto dando atto che la questione dei lavoratori precoci è meritevole di una particolare e favorevole attenzione, diversificando il criterio dell’adeguamento all’aspettativa di vita secondo le caratteristiche dell’attività lavorativa svolta. L’onorevole Gnecchi ha sottolineato la necessità di arrivare ad una soluzione in tempi certi.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Roma News

Calciomercato Roma news, UFFICIALE: Yanga-Mbiwa al Lione, il comunicato

Migjen Basha lascia il Torino

Calciomercato Torino Ultimissime: Migjen Basha abbandona i granata