in

Riforma pensioni 2015 ultime novità: ampio accordo su pensione anticipata, flessibilità e mini penalizzazioni

Cesare Damiano ex ministro del Lavoro e attuale presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, ormai da mesi lavora ad una proposta di modifica della Legge Fornero che rivoluzioni la materia previdenziale. In una nota l’esponente Dem ha dichiarato: “La mia proposta di legge, che Salvini vuole sostenere, che consentirebbe ai lavoratori di andare in pensione a partire dai 62 anni, con 35 di contributi e con l’8% massimo di penalizzazione, è attualmente all’esame della Commissione lavoro della Camera”.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

Tra pochi giorni il 3 giugno 2015, in Commissione Lavoro della Camera si terrà un atteso incontro tra il ministro Giuliano Poletti e successivamente con il Presidente dell’Inps, Tito Boeri e le parti sociali, lo stesso Damiano non nasconde di nutrire delle aspettative positive sui risultati di queste audizioni: “La mia proposta di legge, che Salvini vuole sostenere, che consentirebbe ai lavoratori di andare in pensione a partire dai 62 anni, con 35 di contributi e con l’8% massimo di penalizzazione, è attualmente all’esame della Commissione lavoro della Camera.

La riforma delle pensioni sembra ormai a portata di mano, dopo che il Governo ha dichiarato l’intenzione di rendere più flessibile l’età pensionabile e di voler aprire la discussione sulla previdenza con la prossima legge di stabilità. Il confronto con le parti sociali però non può mancare e sul tema della riforma imminente delle pensioni il segretario della Uil, Carmelo Barbagallo sottolinea che da mesi chiedono di incontrare il Governo per discutere. Il leader sindacale si è detto contrario alla proposta del ricalcolo dell’assegno, interamente con il sistema contributivo e ha spiegato: “Siccome le persone che decidono di andare prima in pensione avranno coefficienti più bassi, ulteriori penalizzazioni sarebbero sbagliate o perché scoraggiano le persone ad andare prima in pensione o perché se lo devono pagare loro. Mi sembra eccessivo”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Ecco i segreti delle star di cannes 2015 make up 2015 cerimonia

Make up 2015 cerimonia, ecco i segreti da copiare delle star di Cannes 2015

Torino calcio ultimissime: Europa League sfumata, cambiano le strategie?