in

Riforma pensioni 2015 ultime novità: esodati dovrebbe arrivare la settima salvaguardia

Nel decreto legge Milleproroghe appena definitivamente convertito c’è una buona notizia per i lavoratori con partita Iva iscritti unicamente alla gestione separata.i loro contributi previdenziali tornano ad avere l’aliquota al 27,72% contro l’attuale 30, 72%. Mentre il Governo non ha voluto inserire nel testo il settimo provvedimento di salvaguardia per gli “esodati”, cioè quei lavoratori che erano in quiescienza prima della legge Fornero che ha alzato lo scalone del limite di età e li ha lasciati senza né stipendio né pensione. I provvedimenti per trovare una soluzione per questi lavoratori rimasti senza reddito finora ne hanno messo in sicurezza circa 170 mila, con una spesa stimata di 11,6 miliardi di euro.

La Cgil calcola che ancora almeno altrettanti sono rimasti senza tutela. Per loro l’unica misura è il sostegno al reddito introdotto con l’Asdi che scatterà solo per chi ha perso il lavoro dal primo maggio 2015, un assegno che sarà erogato in favore di coloro che sono rimasti privi di occupazione e versano in condizione economica di bisogno e che hanno usufruito per intero dell’altro ammortizzatore sociale, la Naspi fino al 31 dicembre 2015. questi soggetti riceveranno per sei mesi un’indennità pari al 75% della Naspi percepita prima, equivalente però al massimo all’importo dell’assegno sociale, circa 448 euro mensili.

I deputati Maria Luisa Grecchi e Cesare Damiano assieme a tutta la minoranza del Pd si stanno prodigando per coloro che dopo la Riforma Fornero fatta col Governo Monti sono rimasti e ancora potranno rimanere senza reddito. L’obiettivo comune è di arrivare ad un settimo provvedimento di salvaguardia, questa volta recepito dal governo Renzi.

s6 samsung

Galaxy S6 di Samsung anteprima video: secondo teaser ufficiale dello smartphone Android in uscita per il MWC 2015

C'è posta per te

C’è posta per te: Luciana Littizzetto travolge Maria De Filippi e Barbara D’Urso