in

Riforma pensioni 2015 ultime novità: flessibilità e pensione anticipata, per Giuliano Poletti “Tra qualche giorno si saprà cosa saremo in grado di fare”

Gli ultimi aggiornamenti sulla riforma delle pensioni giungono dal ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che secondo quanto riportato da Toscana TV, ha dichiarato che non bisogna attendere molto per conoscere la decisioni del Governo in materia pensionistica: “Tra qualche giorno si saprà cosa saremo in grado di fare”. Il ministro Poletti, in occasione di un incontro organizzato a Siena dalla Cna, ha confermato che di concerto col mistero dell’Economia si stanno valutando tutte le possibili soluzioni volte all’introduzione di una maggiore flessibilità che dovrà rispettare i vincoli di bilancio.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

Il clima comunque è di confronto aperto, poco prima il presidente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, Cesare Damiano, aveva ribattuto al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, il quale aveva detto che l’ipotesi di una flessibilità a costo zero “è inesatta”, Damiano ha continuato ad insistere che dal provvedimento invece “si possono ottenere addirittura dei risparmi”.

Per Cesare Damiano, si devono calcolare oltre ai costi per gli anni di anticipo, al massimo 4, anche i 18 anni, in media basandosi sull’aspettativa di vita, di successivi risparmi. In concreto, “Se si anticipa la pensione a 62 anni, avendo 35 anni di contributi e accettando l’8% di penalizzazione, si avrà un costo per i primi 4 anni, cioè fino al raggiungimento degli attuali 66 anni di età, e un risparmio per i successivi 18, visto che la speranza di vita media è di 84 anni”.

Zenfone 2

Smartphone Android, i migliori affari: Asus ZenFone 2, Moto G3, Huawei P8 Lite, Nexus 6, Alcatel

Il Giovane Montalbano 2

Il Giovane Montalbano 2 anticipazioni puntata 5 ottobre: Salvo e Livia sempre più distanti