in

Riforma pensioni 2015 ultime novità: flessibilità, esodati e lavoratori precoci, ecco dove trovare le risorse

L’onorevole Walter Rizzetto del gruppo Alternativa libera composto da ex del Movimento 5 Stelle e componente della Comissione Lavoro della Camera, in un’intervista a sussidiario.net, propone di aumentare le aliquote Irpef per le pensioni superiori a 90.000 euro l’anno, differenziando il prelievo fiscale al di sopra del 43%. In questo modo si andrebbero a recuperare risorse per aumentare le pensioni che arrivano ad un importo fino a 6 volte la minima e per risolvere la questione degli esodati. Sui lavoratori precoci lo stesso Rizzetto si dichiara d’accordo con la “Quota 41” proposta da Cesare Damiano, la stessa cosa per la flessibilità in uscita.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

Secondo il deputato ex-grillino per le donne che si sono presi cura della famiglia e degli anziani occorre trovare una soluzione previdenziale, che potrebbe essere la “Quota 96”. Sul problema degli esodati  la settima salvaguardia  che è vicina al traguardo in Comissione Lavoro deve riguardare l’intera platea degli interessati. Il problema delle coperture va affrontato con coraggio andando a toccare i privilegi come le pensioni d’oro.

Con la revisione delle aliquote fiscali sulle pensioni delle pensioni d’oro al di sopra dei 90.000 euro l’anno si potrebbero recuperare importanti risorse. Applicando aliquote fiscali differenziate al di sopra del 43% si potrebbe trovare la copertura finanziaria per l’aumento delle pensioni minime che per dare soluzione definitiva alla questione degli esodati.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Chasing Life, serie tv 2015: su Premium Stories il dramma di una donna in carriera

Milan News

Milan: ecco i giocatori sulla lista nera di Mihajlovic