in

Riforma pensioni 2015 ultime novità: Opzione Donna e settima salvaguardia pronti, attesa per la flessibilità

I ministri Giuliano Poletti e Pier Carlo Padoan con il premier Matteo Renzi hanno preso in mano l’agenda della riforma pensioni 2015 per definire le misure concrete da inserire nel capitolo previdenza della prossima Legge di Stabilità che dovrebbe arrivare in Parlamento intorno al 15 ottobre prossimo. Si tratta di stabilire le modalità di uscita anticipata dal lavoro in maniera più flessibile rispetto all’attuale legge Fornero con alcune penalizzazioni sui trattamenti previdenziali che non pesino eccessivamente sui lavoratori interessati fino a rendere questa opportunità poco appetibile per gli stessi lavoratori volontariamente vi dovrebbero accedere.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera, che è uno dei protagonisti principali di questo processo di riforma continua a sollecitare: “Il Governo dovrà formulare quanto prima la sua proposta sulle correzioni da apportare al sistema pensionistico, se la si vuole discutere e inserire nella Legge di Stabilità”. L’incertezza resta su quante risorse sarà possibile reperire per adottare una flessibilità “interessante” per la maggioranza dei lavoratori in febbrile attesa di questa misura.

La Commissione Lavoro della Camera riprenderà la discussione il prossimo 9 settembre con all’ordine del giorno i due provvedimenti attesi da molti lavoratori che sono l‘Opzione Donna e la settima salvaguardia. Il presidente Damiano fa il punto della situazione: “La Commissione Lavoro della Camera sta individuando una soluzione, con i ministeri del Lavoro e delle Finanze, con la Ragioneria e l’Inps, da trovare prima della legge di Stabilita’ e che riguardi anche la cosiddetta Opzione Donna. Le risorse ci sono: si tratta di circa tre miliardi di euro risparmiati finora dal Fondo di 11,6 miliardi di euro dedicato alle salvaguardie”. L’aspettativa delle due categorie dei lavoratori interessati è che si riesca ad approvare questi due provvedimenti prima ancora della Legge di Stabilità.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

musei gratis Roma, Venezia, Firenze

Musei gratis domenica 6 settembre 2015: 10 itinerari bellissimi e originali, da Roma a Venezia

7 città da visitare a settembre

7 città da visitare a settembre, da Montepulciano a Gubbio