in

Riforma pensioni 2015 ultime novità: quota 100 senza penalizzazioni e uscita anticipata, Matteo Salvini disposto a sostenere il PD

La riforma delle pensioni continua ad essere al centro del dibattito politico. Mentre Giuliano Poletti ha reso note le ultime intenzioni del governo in merito all’opzione donna e ai nuovi provvedimenti che dovrebbero garantire maggiore flessibilità anche agli uomini rimasti senza lavoro a pochi anni dal pensionamento, si rincorrono le ipotesi riguardo al sistema delle quote da applicare in nome della flessibilità in uscita.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

L’ultimo a dire la sua è stato Matteo Salvini, che proprio ieri sera intervistato da Lilli Gruber a “Otto e mezzo” ha ribadito il proprio sostegno alla quota 100 (data dalla somma tra età contributiva e anagrafica) senza penalizzazioni e la volontà di cancellare in toto la riforma Fornero, etichettata come “una follia”. E’ inammissibile, ha proseguito il leader del Carroccio, pretendere da alcune categorie di lavoratori vadano in pensione a 65 anni e mezzo e che un’eventuale uscita anticipata dal mondo del lavoro possa essere “barattata” con un taglio dell’assegno del 10-15%.

Salvini, infine, ha dichiarato questo: “Ho detto a Renzi che sono disposto a votare una legge del PD che riporti l’età pensionabile a 62 anni senza penalizzazioni”. Una proposta già sostenuta, tra gli altri, dal Presidente della Commissione Lavoro della Camera Cesare Damiano: che insieme si riesca ad andare verso questa direzione?

Intanto le proteste non si placano: proprio stamattina è attesa la seconda protesta in pochi giorni di esodati e lavoratrici donne di fronte al Ministero dell’Economia e delle Finanze.

seconde nozze per l'attrice

Claudia Pandolfi incinta, per la prima volta mostra il pancione

de laurentiis incendio yacht

De Laurentiis incendio yacht, ipotesi inquietante: si indaga per sabotaggio