in

Riforma pensioni 2015 ultime novità: Renzi sulla flessibilità in uscita, “Spero in un primo rimedio già con la Legge di Stabilità”

La flessibilità in uscita auspicata per la nuova riforma previdenziale continua ad essere il nodo cruciale attorno a cui si concentra la discussione politica e sindacale. Mentre in tanti, dagli esodati ai lavoratori precoci, hanno cominciato a dare battaglia dopo le voci diffuse dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che vorrebbe escludere momentaneamente il tema dall’agenda politica, risultano ancora più spiazzanti le ultime dichiarazioni rilasciate da Matteo Renzi al quotidiano L’Unità, nella rubrica “Caro Segretario”.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

“Spero che riusciremo a trovare un primo rimedio già con la legge di Stabilità”: questa la risposta del Premier a un lavoratore che gli ha scritto in merito alla questione della flessibilità in uscita. Che questo nodo irrisolto, quindi, torni ad essere tra le questioni prioritarie per il governo? Già nelle ultime ore era sembrato che il Ministro del Lavoro Poletti volesse riportare all’attenzione sulla delicata questione degli esodati e sulla proroga dell’Opzione Donna, anche eventualmente con un provvedimento ad hoc, e ora è Renzi stesso a rendere noto di aver chiesto “a Padoan e Poletti di individuare un meccanismo per consentire più flessibilità in uscita”.

Dunque, qual è la posizione che assumerà il governo nelle prossime settimane? Voci (ufficiali) continuano a rincorrersi, senza permettere di capire a lavoratori e pensionandi quale cammino sarà percorso. Intanto i sindacati continuano a dare battaglia, proclamando per il 22 settembre 2015 una nuova manifestazione di fronte al Mef con l’obiettivo di spingere il governo a modificare la legge Fornero.

Migranti in arrivo, emergenza profughi in Ungheria, Slovenia, Croazia: morte e violenza

grande fratello 14 data inizio

Grande Fratello 2015 inizio: le foto della casa galleggiante in esclusiva a Pomeriggio 5