in

Riforma pensioni 2015 ultime novità: riduzione dell’età anagrafica per tutti con Quota 100 o prestito pensionistico

Il governo di Matteo Renzi entra nella fase decisiva di definizione delle misure per la modifica della Legge Fornero sulle pensioni. Appare ormai certa l’intenzione di diminuire l’età pensionabile, ma ancora non è chiaro con quali meccanismi si potrà lasciare il lavoro, viste le tante proposte presentate sia dai gruppi politici che dalle associazioni di categoria.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

Intanto il presidente dell’Inps, Tito Boeri, in raccordo con il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, sta mettendo a punto un piano di modifiche per superare le rigidità dell’attuale sistema previdenziale, partendo dall’assegno universale per chi ha superato i 55 anni di età. Lo stesso Boeri insiste sul ricalcolo dell’assegno previdenziale con il metodo contributivo oltre che su una maggiore flessibilità riguardo all’uscita dal lavoro con una minore età e contributi.

Sia l’Unione europea che i tecnici del Ministero dell’Economia vigilano con severità perchè la modifica della Legge sulle pensioni non pesi sui conti pubblici, per cui occorrerà trovare le risorse finanziarie per sovvenzionare le modifiche, partendo da tagli alle pensioni d’oro, al cumulo, alle invalidità ed al ricalcolo contributivo. Per quanto riguarda l’uscita anticipata si va dalla Quota 100 come somma tra età anagrafica e contributiva, al prestito pensionistico che consentirebbe di anticipare di tre anni rispetto ai 66 attuali con un prestito da restituire attraverso trattenute mensili quando si matureranno i requisiti necessari.

Seguici sul nostro canale Telegram

napoli pizza dove cosa mangiare

Ponte 2 giugno 2015 a Napoli: dove e cosa mangiare

Capelli tendenze 2015 swag taglio estate

Capelli 2015 tendenze: lo swag il taglio perfetto per l’arrivo dell’estate