in

Riforma pensioni 2016 news oggi: pensione anticipata più vicina col riscatto flessibile della laurea?

Il confronto sulla riforma delle pensioni tra Governo e sindacati inizia oggi con l’incontro al ministero del Lavoro. La discussione parte dalla proposta di Anticipo pensionistico, Ape, avanzata in queste settimane dai tecnici del Governo, coordinati dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Tommaso Nannicini, ma i sindacati confederali che hanno lanciato una loro piattaforma unitaria hanno una posizione distante e chiedono un confronto più ampio sulla maggiore flessibilità in uscita e sul recupero del potere di acquisto delle pensioni attuali.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Governo e sindacati si confronteranno oltre che sulle proposte più note come la possibilità di estendere gli 80 euro ai pensionati, rilanciata dal premier Matteo Renzi, dal prossimo anno, anche sulla proposta di cui ha parlato Lorenzo Salvia sul “Corriere della Sera”, di avvicinare il lavoratore alla pensione consentendogli di riscattare gli anni della laurea con una modalità più agevole: “L’idea è rendere flessibile anche il riscatto: potendo scegliere non solo il numero degli anni da recuperare, cosa possibile già oggi. Ma anche la somma da versare e quindi l’effetto sull’assegno futuro. Perché una mossa del genere? Chi oggi è vicino dalla pensione e chiede il riscatto della laurea di solito si vede presentare un conto parecchio salato. E questo perché il calcolo viene fatto sulla base del suo stipendio attuale che, a fine carriera, tende a essere più alto. Chi chiede il conteggio, quindi, spesso rinuncia all’operazione e resta al lavoro fino alla scadenza naturale. Rendere flessibile il riscatto significa slegare la somma da pagare dallo stipendio attuale, considerarla un versamento volontario di contributi. La strada potrebbe essere interessante per chi preferisce lasciare il lavoro prima, anche accettando un assegno più basso”.

I sindacati confederali si aspettano la disponibilità del Governo a un confronto anche sulle loro proposte: una maggiore flessibilità in uscita dal lavoro a partire dall’età minima di 62 anni per tutti, la pensione anticipata con 41 anni di contributi, a prescindere dall’età anagrafica, senza penalizzazioni per i lavoratori precoci, infine l’ impegno ad assicurare pensioni dignitose ai giovani.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

caso gloria rosboch news processo

Gloria Rosboch news: Gabriele Defilippi sempre più magro e depresso, forse trasferito in ospedale

Dove vedere Cesena Perugia

Dove vedere Cesena – Spezia: ora diretta tv, streaming gratis Playoff Serie B