in

Riforma pensioni 2016 news oggi: precoci ed esodati, Cesare Damiano insiste ora definire misure decisive per loro

Il presidente della Commissione alla Camera, Cesare Damiano, tra i protagonisti principali del lungo percorso di confronto sul tema delle pensioni che dovrebbe concludersi con un pacchetto di modifiche all’attuale sistema previdenziale che verrà inserito nella prossima legge di Bilancio ha commentato quanto emerso dall’incontro tra il Governo e i sindacati, apprezzando “I primi e importanti risultati”, ma valutando che: “La strada da fare è ancora lunga”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

L’ex ministro del Lavoro ribadisce ancora una volta che è necessario chiudere bene le questioni dei lavoratori precoci e della salvaguardia degli esodati rimesti fuori dalle precedenti tutele: “Sarà decisivo il modo con il quale si risolveranno i problemi dei lavoratori precoci e l’ottava salvaguardia degli esodati, che sono ancora da perfezionare. Entra in gioco, come sempre, la quantità di risorse “fresche” che si metteranno a disposizione nella legge di Bilancio, che per noi non possono essere inferiori a 2 miliardi di euro”.

l’esponente della minoranza dem più dialogante con i sindacati e con lo stesso Governo, spiega che: “Intanto è importante la convergenza che si è verificata sulla quattordicesima per i pensionati e sull’anticipo gratuito del pensionamento a partire dai 63 anni per le categorie in condizioni più disagiate: addetti ai lavori usuranti, ai lavori pesanti (tipologie ancora da definire), disoccupati e invalidi”, mentre assume una posizione di attesa perché: “Resta da chiarire il livello della penalizzazione che riguarderà l’anticipo di quei lavoratori che non fanno parte di queste categorie. Dovrebbe, inoltre, esserci la soluzione di numerosi problemi da tempo in sospeso: il cumulo gratuito dei contributi, il blocco dell’aspettativa di vita per i lavori usuranti, la cancellazione definitiva delle penalizzazioni per i precoci, l’equiparazione della NO tax area dei pensionati con quella dei lavoratori dipendenti e la prosecuzione della sperimentazione di OPZIONE DONNA”. “Data la complessità della materia, diventa necessario un testo scritto (accordo o verbale che sia) che precisi, voce per voce, anche la quantità delle risorse che verranno messe a disposizione. “Scripta manent. . .” e rendono più facile e meno arbitraria la traduzione legislativa nella legge Bilancio di una eventuale intesa”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

un medico in famiglia fb

Programmi tv stasera 14 Settembre: Un medico in famiglia 10 e Rimbocchiamoci le maniche

suicidio tiziana cantone news tribunale

Tiziana Cantone suicida dopo video a luci rosse diventato virale: vittima della gogna del web