in

Riforma pensioni 2016 ultime notizie: Opzione Donna proroga al 2016, fine della diatriba tra Inps e Mef

Lo stanziamento di 2,5 miliardi che il Governo ha inserito nella Legge di Stabilità per proseguire il regime previdenziale di Opzione Donna, in base al quale si consente alle lavoratrici di anticipare il pensionamento a 57 anni di età se si sono maturati 35 anni di contributi, accettando in cambio il calcolo dell’assegno pensionistico con il sistema contributivo integrale, associato al meccanismo cel “contatore” introdotto con un emendamento dal Parlamento, ormai è chiaro oltre ogni dubbio che hanno aperto la strada alla proroga di questo regime.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

La Legge di Stabilità ha chiuso la diatriba delle diverse interpretazioni tra l’Inps, le lavoratrici e il Ministero dell’Economia e delle Finanze, relativamente al limite del 31 dicembre 2015 come termine ultimo entro cui dovevano essere stati maturati i requisiti all’atto della presentazione della domanda. Perciò tutte le domande di accesso al regime Opzione Donna presentate dalle lavoratrici e rimaste bloccate dall’Inps potranno essere esaminate ed eventualmente accolte.

Allo stesso modo le lavoratrici nate nell’ultimo trimestre del 58 se dipendenti, sia del settore privato che del settore pubblico, e del 57 se autonome, potranno accedere senza alcun dubbio a questa forma di pensionamento anticipato. Mentre le altre donne lavoratrici che speravano nella proroga del regime fino al 2018 dovranno sperare che la stima fatta dal Governo di 36mila di richieste di lavoratrici che potrebbero scegliere volontariamente di presentare domanda per l’Opzione donna risulti esagerata e quindi rimangano risorse ancora utilizzabili per lo stesso obiettivo.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Napoli – Milan: ora diretta tv, streaming gratis Serie A

twitter

LG G5 vs Samsung Galaxy S7: è guerra tra smartphone su Twitter