in

Riforma pensioni 2016 ultime notizie: tagli alle pensioni d’oro necessario? Le conseguenze su cui ragionare

Il tema del taglio delle pensioni d’oro di tanto in tanto ritorna ad affacciarsi nella discussione sulla riforma delle pensioni che superi le rigidità della legge Fornero. In queste ultime ore a prospettare un intervento sulle pensioni d’oro è stato la Cgia di Mestre, il cui Ufficio Studi ha sottolineato che la spesa pubblica italiana non sarebbe così alta se si riuscissero  far calare gli interessi sul debito pubblico e la spesa previdenziale.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Sarebbe possibile evitare le clausole di salvaguardia, che costerebbero circa 15 miliardi di euro, se si intervenisse sulle pensioni molto elevate, il cui ammontare non corrisponde con i contributi versati. Di un intervento sulle pensioni più alte è da tempo sostenitore il presidente dell’Inps, Tito Boeri che ritiene necessaria la maggiore flessibilità in uscita da finanziare però con un contributo di solidarietà richiesto alle pensioni erogate col più remunerativo calcolo retributivo, che elargisce un assegno mensile superiore ai contributi versati.

Paolo Zabeo, coordinatore della Cgia di Mestre, ha lanciato un allarme: “Se non si interverrà anche sulle pensioni, tassando quelle più elevate, corriamo il pericolo di ritrovarci con un aumento parziale dell’Iva che penalizzerebbe ancor più i consumi delle famiglie, che nonostante la ripresa, faticano a decollare”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

casa ronaldo 50 sfumature

50 Sfumature di Rosso, Dornan e Johnson: ecco dove vivranno

Probabili formazioni big europee

Champions League, Real Madrid – Wolfsburg probabili formazioni e ultime notizie