in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: donne, esodati e flessibilità in uscita, tutte le proposte di Maria Luisa Gnecchi

La riforma delle pensioni continua a infiammare gli animi. Mentre si continua a dibattere sulla flessibilità in uscita e sui meccanismi che potranno essere messi in atto per correggere le storture della riforma Fornero nel 2016, c’è chi continua a far sentire la propria voce.

Come reso noto da uno degli amministratori del gruppo Facebook “Esodati – cosa dicono i giornali di noi”, l’onorevole Maria Luisa Gnecchi della Commissione Lavoro alla Camera ha messo in piedi un programma per il 2016 con l’obiettivo di “recuperare un po’ di giustizia per le pensioni”. Secondo la parlamentare,“sono indispensabili interventi per le donne, si deve tornare a giustizia contro le ricongiunzioni onerose (L122/2010)” e realizzare una “reale possibilità di flessibilità in uscita dal mondo del lavoro, tenendo conto delle differenze oggettive ancora esistenti tra uomini e donne”.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

La Gnecchi punta il dito contro la legge Fornero, che penalizza in primis le donne, sollecitandone l’abolizione. Tra le proposte del PD, la rettifica la circolare INPS n.35 del 2012, in modo che anche le donne della classe 1952 possano accedere alla deroga e la previsione di una norma specifica a favore di tutte le donne su modello europeo che attribuisca per ogni figlio e/o lavoro di cura familiare 2 anni di anticipo sull’età pensionabile fino a un massimo di 5 anni di uscita anticipata (fermo restando l’età minima di 60 anni). A scelta delle lavoratrici, si potranno riconoscere anche periodi di cura dei figli e dei familiari in situazione di non autosufficienza o disabilità come periodi di contribuzione figurativa.

Quali gli interventi messi all’ordine del giorno in favore degli esodati? La Gnecchi è favorevole a un’ottava salvaguardia a completamento dell’intervento. In un’intervista esclusiva rilasciata a Ilsussidiario.net, la parlamentare sottolinea che per portare a termine questa operazione si potranno utilizzare i risparmi del fondo per gli esodati, visto che “tutti i calcoli forniti da Inps e Ragioneria di Stato erano stati di gran lunga gonfiati”.

Written by Corinna Garuffi

Trentun anni, laureata in Scienze della Comunicazione, lavora da anni nel sociale. Da sempre alla ricerca di notizie inerenti al mondo del volontariato e alle opportunità offerte dell’Unione Europea, è anche appassionata di fotografia, arte e cucina. Indossa per la prima volta le vesti di blogger.

allerta terrorismo capodanno 2015

Allarme terrorismo: Capodanno ‘blindato’ in Europa e Usa

Gianni Morandi Facebook

Selvaggia Lucarelli Instagram: Lorenzo Biagiarelli è il suo nuovo fidanzato?