in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: flessibilità, dopo la Legge di Stabilità recupero di pensioni anticipate e precoci?

Diverse volte il premier Matteo Renzi ha preso posizioni pubbliche sul tema della flessibilità del sistema previdenziale: “La questione va affrontata perché le normative del passato sono intervenute in modo troppo rigido. Serve un intervento per dare più spazio a chi in cambio di una riduzione degli assegni vorrà avere maggiore flessibilità in uscita”. Con la Legge di Stabilità, il Governo, con i riflettori puntati dell’Unione europea,è riuscito ad intervenire solo su tre provvedimenti tampone come la settima salvaguardia per gli esodati, l’estensione dell’Opzione Donna e il part-time come accompagnamento alla pensione per gli over 63.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2015

Dopo che il Parlamento avrà approvato la Legge di Stabilità con tutta probabilità si potrà riaprire la questione flessibilità, magari con un disegno legge delega che conterrà una riforma più organica della Legge Fornero. La principale proposta sul tappeto resta il disegno di legge Damiano-Baretta con l’uscita dal lavoro possibile a 62 anni di età e 35 di contributi e una penalizzazione del 2% per ogni anno di anticipo fino ad u massimo dell’8%, per i lavoratori precoci pensionamento con 41 anni di versamenti contributivi senza limiti di età. Altra ipotesi resta il sistema delle quote che riprende la pensione di anzianità sommando contributi ed età, ilrequisito di uscita può essere fissato intorno alla Quota 100. Il Governo aveva accarezzato l’idea di una soglia minima fissata a 63 anni e sette mesi di età e una penalizzazione tra i 3 e il 4% per ogni anno di anticipo prima dei 66.

Resta l’ipotesi semi-contributiva integrale proposta nel “Piano” Boeri che permetterebbe ai lavoratori di andare in pensione ad una soglia di età minima non esattamente ancora definita, ma accettando in cambio il calcolo dell’assegno pensionistico con il più penalizzante sistema contributivo. Le altre misure più discusse sono state l’assegno universale per i lavoratori che hanno perso o rischiano di perdere il lavoro, il prestito pensionistico, il riscatto contributivo più agevole, un incentivo per la contribuzione volontaria e la semplificazione della ricongiunzione totalizzazione, così come la possibilità di rafforzare la posizione pensionistica personale.

Chi l'ha visto?

Chi l’ha visto? anticipazioni 21 Ottobre 2015: Mario Bozzoli, Marco Vannini, Guerrina Piscaglia ed Emanuela Orlandi

eventi napoli mostra cervantes fumetti

Napoli, Cervantes a Fumetti: la mostra gratuita racconta la vita dello scrittore spagnolo