in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: flessibilità, esodati e Opzione Donna, dure reazioni dei lavoratori alle dichiarazioni di Elsa Fornero

La criticatissima ex ministro dl Lavoro, Elsa Fornero che ha dato il suo nome alla severa riforma delle pensioni varata nel 2011 nel Governo Monti, è stata ospite a Ballarò, trasmissione di RaiTre. In quella sede ha difeso la sua riforma argomentando che è servita a diminuire le grandi differenze tra la generazione dei padri e quella dei figli, ha abbassato la spesa per le pensioni liberando risorse da destinare ad altre finalità produttive. Sulle disparità tra uomini e donne nel sistema previdenziale, la professoressa Fornero ha affermato che nel mondo del lavoro ci dev’essere la parità di genere e non la domanda di protezioni speciali. In merito agli esodati ha riconosciuto l’esistenza del problema, ma ha ribattuto che è stato troppo strumentalizzato.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Sulla bacheca del gruppo “Opzione Donna Proroga al 2018”, Roberto Andrighetto, marito di una delle lavoratrici appartenente allo stesso gruppo, ha reagito alle affermazioni dell’ex ministro Fornero con un post: “La madre (Fornero) e il padre (Monti) di quella riforma pensionistica costata lacrime e sangue solo a donne e uomini delle classi sociali medio/basse che onestamente hanno lavorato ad un progetto di vita che loro 2 in pochi giorni hanno sconvolto, appaiono costantemente nei talk show televisivi. Mi chiedo perché vengono ancora convocati (e pagati?) per le loro squallide apparizioni. A chi giova? Pur non contando più nulla politicamente, probabilmente servono a chi detiene oggi il potere per giustificare l’ingiustificabile, per tentare di lasciare le cose come stanno, oppure di fare un riforma che non riformerà nulla. 
Ovviamente quelle due persone non hanno mai toccato i veri sprechi, la casta, i grandi privilegi. Quindi hanno libero accesso nelle stanze del potere e dei media.
Sarebbe già un segno di rimorso di coscienza se si defilassero in silenzio, ma questo loro protagonismo è il segno evidente della spudoratezza di chi coscienza non ha .
È anche un brutto segno per noi che lottiamo per Opzione donna e la flessibilità.  Apparizioni che faranno sponda ad una riformina che comunque costringerà ad andare in pensione a 63/64 anni. 
Lo so sono pessimista, ma tira davvero un brutta aria…

Anche alla trasmissione concorrente su La7, diMartedì il tema delle pensioni è stato al centro, con l’attenzione centrata sul nodo degli esodati. Anche qui sono sorte forti critiche da parte degli utenti del web. Uno di loro ha pubblicato un post molto arrabbiato: “Accuso pubblicamente La7 nella puntata di ieri sera, c’è stata una pura provocazione nei confronti della categoria lavoratori precoci esodati.tantissimi giovani sono stati trattati in modo indegno e pietoso, tutti i cultori della Fornero e nessun contraddittorio”.

Ultime notizie calciomercato Napoli: si chiude per Gnahoré

Calendario Serie A 2016/2017

Ultime notizie Roma calcio: ecco come cambia la squadra con Spalletti