in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: flessibilità nel 2016, Cesare Damiano insiste che l’Europa si convinca

Le forze politiche sia di maggioranza che di opposizione concordano sostanzialmente sulla necessità di rivedere la legge Fornero con la sua eccessiva rigidità, per inserire nel sistema previdenziale una maggiore flessibilità in uscita. La patata bollente è nelle mani del Governo che, anche nel confronto con le istituzioni europee, deve trovare la quadratura del cerchio nell’equilibrio della finanza pubblica. Ieri alla Camera si è tenuto un convegno organizzato da Itinerari Previdenziali e Associazione & Welfare sul tema “2016: l’anno della flessibilità in uscita. Opinioni e proposte a confronto”, dove è intervenuto anche il residente della Commissione Lavoro della Camera dei Deputati, Cesare Damiano, che ha detto: “La Riforma sta rafforzando il tappo all’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro, per questo e’ giusto chiedere con forza, all’Europa, più flessibilità nei conti per incrementare gli investimenti e pretendere piu’ flessibilità nel nostro sistema pensionistico per favorire l’ingresso dei giovani nel mercato del lavoro” .

> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

La critica maggiore rivolta all’attuale sistema previdenziale è stata quella della mancanza di gradualità e del sistema dell’aspettativa di vita che arriva a provocare effetti abberranti. Il sottosegretario Pier Paolo Baretta ha confermato che il tema è all’attenzione del Governo che sta cercando una soluzione nell’ambito dei vincoli imposti da Bruxelles: “Inserendo un criterio di gradualità nell’uscita legato ad una correzione attuariale dell’importo liquidato”.

Cesare Damiano ha rilanciato la sua proposta che prevede il pensionamento flessibile a cominciare da 62 anni e sette mesi con 35 anni di contributi e una penalità massima dell’8%: “La riforma darà un’oppor­tunità ai lavoratori. Chi fa un lavoro non fa­ticoso e soddisfacente potrà proseguire fino al requisito normale di pensionamento, ma chi ha un lavoro pesante e senza soddisfazioni e ritiene di poter sostenere una decurta­zione, avrà la possibilità di uscire. In più si crea un’uscita di sicurezza per chi perde il la­voro dopo i 60 anni e che attualmente è senza prospettiva”. Nel convegno sia gli esponenti dem che i sindacalisti presenti hanno condiviso questa proposta che contiene anche l’uscita con 41 anni di contributi senza limiti di età e senza penalizzazioni. ‘altra proposta riguarda la revisione delle ricongiunzioni onerose, il riconoscimento dei lavori di cura e la soluzione definitiva per gli esodati.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

ricetta crepes, ricetta crepes dolci, ricetta crepes dolci senza uova, ricetta crepes dolci senza burro, ricetta crepes vegan, ricetta crepes vegana,

Ricetta crepes senza uova e burro: la versione vegan

attacco terroristico afganistan

Afganistan, attacco terroristico kamikaze: 11 morti e oltre 30 feriti