in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: flessibilità, Quota 41 e Opzione Donna, Erica D’Adda sprona il Governo (INTERVISTA)

In un momento decisivo per la riforma delle pensioni attesa da migliaia di lavoratori pronti a uscire dal lavoro, abbiamo intervistato  la senatrice Erica D’Adda. L’esponente del Pd e membro della Commissione Lavoro a Palazzo Madama si è espressa sulle difficoltà a far prendere al Governo una posizione chiara sulla questione di una maggiore flessibilità in uscita, sulla vertenza dei lavoratori precoci che chiedono la Quota 41 e sulla proroga dell’Opzione Donna

> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Nonostante ci sia un largo consenso nelle Commissioni Lavoro della Camera e del Senato per una riforma delle pensioni qual è l’ostacolo in Parlamento?                                                                                                                                                                                                                                                                        “Nelle commissioni lavoro c’è largo consenso, e da parte del Parlamento nessun ostacolo. Anzi, abbiamo numerosi disegni di legge incardinati,  fin dall’inizio legislatura, che indicano quanto il tema sia sentito come prioritario. Piuttosto, non si riesce a far prendere al Governo una posizione chiara. Se l’anno 2016 deve essere quello delle pensioni, ebbene, che arrivino segnali di volontà precisi e non solo annunci”.

Lei ha appena firmato la petizione che i lavoratori precoci hanno lanciato sul web, ritiene che a questa categoria possa essere riconosciuta la Quota 41?                                                                                                                                                                                                                                                                                    “Io ritengo assolutamente di sì. Quarantuno anni di contributi sono sufficienti, tenendo conto che la loro qualità di vita e formazione è già stata penalizzata ampiamente”.

La battaglia sulla flessibilità in uscita a che punto è?                                                                                                                                                                                        Al momento siamo solo alle voci che si sentono, in qualche trasmissione o intervista di giornale. Impegni scritti nulla. Ci aspettiamo che nel DEF si inizino a tracciare le linee di una riforma che prenda corpo con la legge di stabilità 2016. Difficile che se passa quest’anno la legislatura riuscirà davvero a lavorarci”.

Ci sono possibilità che il regime di Opzione Donna, esteso alle lavoratrici del quarto trimestre ’57-’58, possa essere prorogato o che addirittura diventi per le donne una forma di uscita strutturale dal lavoro?                                                                                                                                                      “Personalmente me lo auguro, che vi sia la proroga. Però credo che la battaglia sarà difficile e dovremo essere davvero decise nell’affrontarla. Quanto ad una sua strutturazione per la pensione delle donne, di tipo volontario come ora, potrebbe essere un tema di riflessione. Nel ddl A.G. 264 “Completamento della riforma della struttura del bilancio dello Stato” è stato introdotto il bilancio di genere in via sperimentale. Sarebbe interessante una riflessione a 360% delle donne parlamentari su questi aspetti”.

Che impegni sente di poter prendere nei confronti dei lavoratori in attesa di andare in pensione?                                                                                                “Quello che mi sono presa candidandomi: dedicare il massimo del mio impegno perché gli equilibri del sistema pensionistico non penalizzino i lavoratori, che hanno diritto ad un sistema solidale, che non li tenga al lavoro fino ad una età, questa sì, non sostenibile, costringendoli fra l’altro a inventarsi come una parte del welfare per i figli che non trovano lavoro. Una contraddizione che va sanata”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

milano

Sondaggi elettorali Milano 2016: Sala e Parisi, si delinea uno scontro a due

ivano russo a processo

Caso Sarah Scazzi, Ivano Russo ci ripensa: nutre dubbi su Sabrina Misseri?