in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: flessibilità, sistema contributivo e welfare necessario un intervento organico

Sul quotidiano Il Sole 24 Ore del 18 gennaio 2016 il docente di economia delle previdenza e dei sistemi pensionistici, Gianni Geroldi, effettua un’analisi sugli interventi legislativi degli ultimi due decenni, a partire dalla riforma Dini fino all’ultima Legge di Stabilità, sul sistema previdenziale, sottolineando che, finora, sono stati provvedimenti con evidenti limiti che non hanno risposto a scopi di maggiore razionalizzazione del sistema.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Con interventi tampone e parziali si sono aggiunte misure tra di loro non molto coordinate che hanno reso un quadro complicato dove i lavoratori non hanno potuto che effettuare scelte se non “in un contesto normativo che non riesce a diventare stabile”. Mentre l’obiettivo da persegure dovrebbe essere quello di un sistema previdenziale che riesca a coniugare sostenibilità finanziaria nel lungo periodo dentro un sistema di regole armoniche valide per tutti, con il massimo possibile di equità e condivisione dei lavoratori.

La questione più rilevante è quella riguardante i requisiti anagrafici necessari per accedere alla pensione. L’innovazione del sistema contributivo si accompagna necessariamente alla possibilità di uscita flessibile, cioè la possibilità per il lavoratore di programmare quando andare in pensione in un periodo di alcuni anni al raggiungimento di una soglia contributiva maturata. Il metodo di calcolo contributivo del trattamento previdenziale rende quantificabile i costi dei futuri trattamenti in relazione all’età di uscita e all’aspettativa di vita, consentendo quindi di prendere in considerazione personali di ciascun lavoratore e anche le diverse situazioni di lavoro dei soggetti che hanno raggiunto un’età superiore ai 60 anni. Ma la Legge Fornero con la sua rigidità, senza alcuna forma di uscita flessibile ha notevolmente aumentato le difficoltà del mercato del lavoro e “fatto esplodere la questione dei senza lavoro e senza pensione”. Infine anche questi ultimi interventi inseriti nella Legge di Stabilità rispondono alla stessa logica mantenendo i lavoratori in una situazione di incertezza. Partendo da questa analisi è evidente che è cresciuta la necessità di cambiare logica e intervenire solo con una riforma che abbia un disegno organico di sistema previdenziale dentro il più ampio progetto di rinnovamento del welfare.

Nokia Lumia 650, 750 e 850 prezzo, uscita e caratteristiche: la data ufficiale e l’arrivo con Windows 10

bruce springsteen rebel rebel bowie

David Bowie, Bruce Springsteen canta “Rebel Rebel”: il video del tributo al Duca Bianco