in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: lavoratori precoci ed esodati incontrano i sindacati, mobilitazioni di Opzione Donna

Stamani i sindacati confederali hanno incontrato le due categorie di lavoratori maggiormente colpite dalla legge Fornero, la parte dei lavoratori esodati rimasti fuori dalle precedenti tutele che chiedono l’ottava salvaguardia e i lavoratori precoci che si battono per la Quota 41, cioè la possibilità di andare in pensione avendo maturato 41 anni di contributi senza limitazioni anagrafiche e penalizzazioni. L’incontro serve a fare il punto sulla vertenza previdenziale e a programmare l’iniziativa necessarie per premere su Parlamento e Governo perché si arrivi alle indispensabili modifiche della legge Fornero.

> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Sulla Bacheca del gruppo “Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti”, uno dei lavoratori iscritti si è espresso in questo modo: “Per la precisione: ABBIAMO COINVOLTO I SINDACATI,NON I SINDACALISTI.OK???. Concetti molto ma molto diversi tra loro.Per formare i sindacati i nostri predecessori hanno fatto la fame e qualcuno ci ha rimesso la vita”

Anche l’altra importante categoria che si è battuta per riformare l’attuale sistema previdenziale come le lavoratrici che hanno chiesto e continuano a chiedere la proroga del regime sperimentale dell’Opzione Donna proseguono le loro iniziative di mobilitazione, sollecitando anche loro l’impegno delle confederazioni sindacali.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

vicenza ucciso un 19enne sulla A4

Ascoli cronaca: bambino di 8 anni frustato dal padre, ricoverato in ospedale

De Canio Udinese

Udinese ultime notizie, De Canio il nuovo allenatore: Colantuono vicino all’esonero