in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: lavoratori precoci, esodati e donne, le loro richieste a Enrico Zanetti

Il 2016 sarà l’anno giusto per la riforma delle pensioni? La trasmissione Mi manda Raitre, condotta da Elsa Di Gati è tornata ad occuparsi della tematica della previdenza, questione molto sentita da tutti i lavoratori rimasti bloccati da l brusco innalzamento dell’età pensionabile imposto dalla Legge Fornero. Ad intervenire come rappresentate del gruppo “Lavoratori precoci uniti a tutela dei propri diritti” è stato Patrizio Tettamanti un lavoratore di 60 anni, che ha cominciato a lavorare a 18, scalando i gradini della sua carriera nel settore commerciale. Tettamanti ha ribadito la richiesta della sua categoria di poter uscire dal lavoro per la pensione con 41 anni di contributi senza limitazioni d’età e senza decurtazioni dell’assegno.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

L’interlocutore invitato a rispondere è stato Enrico Zanetti, neo viceministro all’Economia e leader nel movimento politico Scelta civica. Zanetti ha affermato che a fronte di risorse limitate, il Governo che nel corso del 2016 manterrà fede all’impegno di valutare quali modifiche apportare alla legge Fornero, deve darsi delle priorità. Il suo punto di vista è che si deve cominciare dando adeguata copertura sociale a quei soggetti in età prossima alla pensione rimasti senza reddito e senza lavoro, in seconda battuta definire il problema dei lavori usuranti attraverso una chiara classificazione dei diversi lavori, e poi affrontare le richieste dei lavoratori precoci

Mentre la posizione degli esodati è stata definita dal vice ministro Zanetti una pre-priorità, tanto che sono stati già adottati ben sette provvedimenti di salvaguardia e non è escluso che ce ne possa essere un ottavo, a condizione che ci siano precisi paletti su quali lavoratori rientrano nella categoria degli esodati. Il rappresentante del Comitato degli esodati, Giuliano Colaci, ha replicato che bisogna salvaguardare tutti i lavoratori usciti dal lavoro entro il 31 dicembre 201, stimati in circa altri 24mila. Mentre come lavoratrice interessata al regime Opzione Donna, Antonella Dal Zoppo, ha ribadito la necessità della proroga della misura a tutte le donne con 35 anni di contributi e 57 anni di età.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

quarto grado news scomparsa isabella noventa

Isabella Noventa, ultime notizie a Quarto Grado: pista investigativa inedita

marco vannini cassazione

Omicidio Marco Vannini, Quarto Grado: la lettera di Viola ai suoi genitori e la loro risposta