in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: lavoratori usuranti in pensione 5 anni prima, requisiti e scadenze, ecco chi può accedere

I lavoratori riconosciuti come impegnati in attività usuranti con le regole previdenziali previste nel Decreto legislativo 67/2011, nel 2016 possono accedere al pensionamento fino a 5 anni prima dell’età prevista, cioè a 61 anni e sette mesi, avendo maturato 35 anni di contributi. I lavoratori che possono ottenere il beneficio sono: gli addetti ai lavori faticosi e pesanti come lavori in galleria, cava o miniera, i lavoratori impegnati nella “linea catena” e i conducenti di veicoli per il servizio pubblico di trasporto collettivo, poi ci sono i lavoratori notturni che se hanno lavorato per 78 notti all’anno devono maturare la Quota 97,6 (età minima 61 e sette mesi), da 72 a 77 notti con la Quota 98,6 (età minima 62 anni e sette mesi) da 64 a 71 notti con la Quota 99,6 (età minima 63 anni e sette mesi). In tutte e due i casi questi lavoratori devono avere svolto queste attività per un minimo di sette anni negli ultimi 10.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Chi deve presentare la domanda per il riconoscimento del requisito di lavoro usurante, se matura il diritto alla pensione nel corso dell’anno 2016 con queste regole privilegiate deve inoltrare la domanda all’Inps entro il 1° marzo 2015. Non si tratta di termini perentori, ma l’eventuale ritardo fa slittare la decorrenza della pensione. Il ministero del Lavoro con la circolare 22/2011 ha precisato l’elenco dei documenti che si devono allegare alla domanda dove si deve specificare la volontà di avvalersi di questo beneficio, i periodi nei quali è stata svolta l’attività lavortiva usurante e la documentazione minima che la comprova.

L’Inps comunicherà l’eventuale sussistenza del beneficio entro il 30 ottobre. Con l’indicazione della prima decorrenza utile della pensione, l’avvenuto riconoscimento dello svolgimento delle mansioni usuranti, l’eventuale differimento della decorrenza della pensione in caso di insufficiente copertura finanziaria o nel caso di accertamento di mancanza dei requisiti sullo svolgimento di attività faticosa e pesante il rigetto della domanda. Se l’Inps avrà risposto positivamente chi raggiunge i requisiti entro il 2016 potrà presentare la domanda di pensione in funzione della sua prevista decorrenza.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

smartphone in classe

I 5 migliori smartphone top di gamma 2015 Android e iOS tra iPhone 6S, Samsung Galaxy S6, Sony Xperia Z5 e gli altri

Ricette dolci Detto Fatto

Ricette dolci Detto Fatto: Franco Aliberti e i biscotti della fortuna