in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: pensione anticipata, Matteo Renzi avverte con l’Ape si perderà dall’1 al 3% l’anno

Matteo Renzi, ospite questa sera a Porta a Porta ha toccato uno degli argomenti più attesi da migliaia di lavoratori, le pensioni. Confermando quanto anticipato nei giorni scorsi sulla pensione anticipata ha spiegato: “L’anticipo pensionistico si chiama Ape. Sarà nella legge di stabilità 2017. E siamo disponibili anche da domani mattina a incontrare i sindacati dei pensionati”.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

Il premier ha aggiunto che il Governo sta definendo il piano previdenziale: “Stiamo studiando un meccanismo sapendo che ci sono i vincoli di Bruxelles e sulle leggi bisogna essere credibili. Il meccanismo deve prevedere che per andare in pensione devi essere disposto a rinunciare a una piccola percentuale l’anno, che vada dall’1 al 3%: solo per quelli che son messi male, hanno pensione bassa e hanno 55 anni puoi togliere l’1%, per gli altri magari puoi arrivare al 4%”.

Matteo Renzi ha anche sottolineato che in Italia: “Ci sono state delle autentiche vergogne”, e ha precisato: “Fino agli anni ’80 c’erano le pensioni baby, poi si è iniziato a dire che bisognava andare in pensione un po’ più tardi. Il principio che ha portato ad aumentare l’età pensionabile non è sbagliato, ma il modo in cui è stato fatto ha portato una fascia di pensionati, nati tra il 1951 e il ’55 ad aspettare i 66 anni”. Il presidente si è detto consapevole del fatto she molti lavoratori over 63 vorrebbero uscire dal mondo del lavoro: “Magari molti son contenti di lavorare, ma c’è anche gente a cui girano le scatole”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Tassa Airbnb come funziona

Prestare casa con Airbnb: ecco come fare e quanto si guadagna

GNP 2016, Cesare Damiano interviene su riforma pensioni e legge di stabilità: “Stiamo uccidendo l’Umanesimo del lavoro”