in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: pensione di vecchiaia, Maurizio Landini propone il ripristino, focus su precoci e Quota 100

Maurizio Landini, segretario generale della FIOM-CGIL, durante l’incontro con gli operai della Hitachi Rail Pistoia, ha annunciato che nella manifestazione indetta per il 21 Novembre a Roma in cui sindacati e lavoratori chiederanno un’organica riforma del sistema previdenziale, verrà avanzata la proposta del ripristino della pensione di anzianità per coloro che hanno svolto attività pesanti e l’abbassamento dell’età pensionabile. Mentre con riguardo ai contratti nazionali, Landini ha spiegato che dovrebbero essere defiscalizzati gli aumenti concessi con il contratto nazionale. Posizioni di un certo peso quelle segretario della Fiom, nel momento in cui i metalmeccanici stanno discutendo il rinnovo contrattuale del loro comparto.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Nel frattempo in Parlamento, Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera, ha condiviso le ultime dichiarazioni del ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, sulla riforma delle pensioni e ha riproposto il suo ddl, dichiarando che “la via maestra per correggere l’attuale sistema previdenziale è la flessibilità”. Secondo l’esponente dem bisognerebbe permettere ai lavoratori l’uscita dal lavoro a 62 anni di età con 35 di contributi e una penalizzazione non più alta dell’8%.

Dal confronto parlamentare al momento sembra rimanere fuori la Quota 41 contenuta nello stesso disegno di legge Damiano-Baretta, che consentirebbe, a chi ha iniziato a lavorare prima dei 19 anni, di andare in pensione con 41 anni di contributi indipendentemente dall’età anagrafica e senza penalizzazioni. Nel dibattito parlamentare è invece rientrata la Quota 100 sostenuta dalla Lega Nord, in base a questa proposta si andrebbe in pensione raggiungendo la somma di età anagrafica e contributiva pari almeno a 100, ma raggiunti almeno i 58 anni di età e 35 di contributi. Tuttavia questa soluzione non risolverebbe la problematica della categoria dei lavoratori precoci.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

caso ceste news

Elena Ceste news: i genitori commentano la sentenza di condanna del marito

Droga nelle carceri italiane

Carceri italiane: il 60% dei detenuti fa uso di droga, ma come ci arriva?