in

Riforma pensioni 2016 ultime novità: Quota 41 per i precoci e Quota 97 per le pensioni anticipate, obiettivi del 2016

Il presidente della Commissione Lavoro, Cesare Damiano pur non essendo riuscito a convincere il Governo sulla sua proposta di uscita anticipata dal lavoro con i requisiti minimi di 62 anni di età e 35 di contributi, associati a una penalizzazione dell’8% sull’assegno pensionistico, comunque ha dichiarato la sua soddisfazione per quanto si è riusciti a fare inserire nella Legge di Stabilità: La settima salvaguardia per gli esodati e l’adozione del contatore per Opzione Donna conquistato nella Stabilità sono un passo avanti importante, il frutto della nostra iniziativa, ma la guardia non va abbassata.

=> LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016

Sulla sua proposta della Quota 97 e sui 41 anni di contributi senza limiti di età per i lavoratori precoci il presidente Damiano confida che nel corso del prossimo anno, quando il Governo dovrebbe completare il dossier sulle pensioni dando il via a una più complessiva modifica della Legge Fornero, si possa vincere anche questa “battaglia decisiva” anche con un ampio sostegno parlamentare che oltre la maggioranza può comprendere Lega Nord e Movimento 5 Stelle.

L’ex ministro del lavoro fa il punto della situazione sul processo di cambiamento dl sistema previdenziale: “Dopo la maratona della legge di Stabilita’, dobbiamo individuare adesso gli obiettivi per il 2016. Per quanto riguarda le pensioni, la settima salvaguardia per gli esodati e l’adozione del contatore per Opzione Donna conquistato nella Stabilita rappresentano un passo avanti importante e sono il frutto della nostra iniziativa, ma la guardia non va abbassata. La battaglia decisiva, per il prossimo anno sarà la flessibilità delle pensioni e il monitoraggio puntuale delle lavoratrici che hanno scelto Opzione Donna. Sul primo punto, abbiamo gia’ incardinato le proposte in Commissione Lavoro e chiederemo un confronto con il Governo. Sul secondo, riteniamo che ci siano le condizioni per certificare un risparmio di risorse che andrà indirizzato per prolungare la sperimentazione di Opzione Donna oltre il 31 dicembre del 2015, includendo in questo modo altre lavoratrici nella salvaguardia”.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

26 dicembre 2004 terremoto oceano indiano

26 dicembre 2004: undici anni fa lo tsunami che devastò l’Indonesia

tutto può succedere anticipazioni

Tutto può succedere anticipazioni prima puntata del 27 dicembre 2015: i problemi di Sara