in

Riforma pensioni 2106 ultime novità: flessibilità o bonus di 80 euro per le pensioni minime? Balletto del Governo

Sul tema delle pensioni si assiste, da diversi mesi, a un balletto di proposte e smentite, di studi e ipotesi per modificare la rigidità della riforma Fornero che ha innalzato in modo brusco l’età necessaria per andare in pensione. Ieri in diretta Facebook, Matteo Renzi, toccando il problema delle pensioni minime, ha annunciato che il Governo starebbe pensando di estendere il bonus di 80 euro anche ai titolari di pensioni minime, cioè di quei 3,3 milioni di pensionati che secondo i dati dell’Inps percepiscono un assegno previdenziale di 492 euro al mese. Questa eventuale provvedimento verrebbe a costare all’erario circa 3 miliardi di euro in un anno per cui il Governo per poterlo attuare dovrebbe superare il problema di una copertura finanziaria non propriamente semplice.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI

Anche nel Governo c’è già chi si è mostrato scettico sull’idea lanciata dal premier Renzi, come il viceministro dell’Economia e leader di Scelta Civica, Enrico Zanetti, secondo il quale bisogna prima ridurre la pressione fiscale, perché: “Senza un ordine di priorità si rischia di affiancare al populismo di opposizione che affligge questo Paese un populismo di cui non abbiamo bisogno”. Anche il ministro delle riforme Maria Elena Boschi raffredda gli animi, confermando, sì che questo bonus è all’attenzione del Governo, ma nello stesso tempo aggiungendo che “Ne dobbiamo parlare con molta prudenza, perché sappiamo quante aspettative ci sono e le coperture di cui c’è bisogno sono abbastanza sostanziose”.

Mentre sul tema della flessibilità c’è da registrare la proposta di legge che il deputato del Pd Franco Ribaudo presenta oggi alla Camera. Si tratta di una forma di prepensionamento dei lavoratori del settore agricolo-forestale e di alcune altre categorie di lavori manuali pesanti, in cui sarebbero inclusi anche i lavoratori precoci. Il prepensionamento secondo questa proposta verrebbe finanziato con un aumento sui contributi, senza quindi costi aggiuntivi per il bilancio pubblico.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Un Posto al Sole anticipazioni settimanali

Un Posto al Sole anticipazioni 7-8 Aprile 2016: Raffaele e Ornella litigano per Patrizio

cancro curato omeopatia

Il cancro e la teoria di Hamer: il caso Durando, le agghiaccianti mail tra il medico e la paziente