in

Riforma pensioni news oggi: pensione anticipata e flessibilità, cosa farà il Governo? Ipotesi e prospettive

Sul tema della riforma pensioni l’attesa delle mosse del Governo per modificare la legge Fornero è molto forte, prova ne è la grande mobilitazione dei lavoratori e pensionati che ieri sono confluiti in piazza del Popolo a Roma in circa 60mila, per chiedere al Governo di Matteo Renzi maggiore flessibilità in uscita e misure ad hoc per i lavoratori precoci, esodati e donne. La rilevanza sociale del problema delle migliaia di lavoratori in attesa di andare in pensione, rimasti penalizzati dalla Legge Fornero, e dell’impoverimento di quanti in pensione ci sono già, è sempre più sentita. Nelle ultime settimane il premier in persona ha annunciato che il Governo interverrà sulle pensioni attraverso l’Ape, un meccanismo che dovrebbe consentire un anticipo fino a tre anni, rispetto alla normativa vigente, con delle penalizzazioni rapportate all’importo dell’assegno.

LEGGI TUTTO SULLA RIFORMA DELLE PENSIONI 2016!

Senonché il viceministro dell’Economia, Enrico Morando, ha dichiarato che non è scontato che il Governo interverrà sulle pensioni e che se lo farà “non sarà sconvolgente”. Le dichiarazioni del viceministro Morando sembrerebbero non confermare le ultime esternazione di Matteo Renzi sulle pensioni e secondo fonti vicino alla squadra di tecnici che sta lavorando al capitolo delle pensioni: “La partita è complicata e, al di là delle esternazioni sui media, o non si farà nulla o il provvedimento sarà molto limitato e circoscritto”.

Malgrado il margine di flessibilità in più concesso da Bruxelles, per effetto del deficit di bilancio ancora troppo alto, il Governo deve prestare molta attenzione sull’equilibrio dei conti e nel 2017 il deficit rispetto al Pil dovrà scendere dal 2,2% all’1,8%. Ecco perché gli interventi sulle pensioni dovranno essere necessariamente limitati, una delle ipotesi è quella di concedere la flessibilità solo per le pensioni al di sotto dei 20-22 mila euro annui, oppure con una penalizzazione molto forte dei futuri trattamenti pensionistici che potrebbe scoraggiare molti lavoratori a ricorrere alla possibilità dell’anticipo.

Nata e cresciuta in Sicilia. Studi classici e giuridici, lettrice appassionata di poesie e letteratura. Convinta sostenitrice che esiste una seconda possibilità in ogni campo anche per l'Italia.

Uomini e Donne i nomi dei nuovi tronisti

Anticipazioni Uomini e Donne trono classico: oggi ci sarà la scelta di Andrea e Oscar

tessera elettorale smarrita

Tessera elettorale smarrita, come fare: consigli utili per ottenere il duplicato