in ,

Riforma scuola 2015: decisiva per far ripartire l’Italia dopo la crisi

Il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini, durante una visita ad una struttura di accoglienza di Firenze, ha confermato, in conferenza stampa, che martedì 10 marzo il Governo presenterà al Parlamento il Disegno di Legge di Riforma della scuola: ”Se e’ vero che questa e’ una delle riforme più importanti, e’ giusto che passi dal Parlamento. Io non penso al rinvio come una polemica. Non ho motivo di ritenere che ci siano spostamenti di agenda”.

Il ministro ha messo in risalto che: “I criteri sono stati chiariti. Si tratta del fabbisogno delle scuole e del potenziamento dell’organico funzionale, per dare attuazione e concretezza alla scuola, sull’esempio della buona scuola. Si tratta di una misura molto importante, perché segna un cambiamento culturale assolutamente necessario”.

Il rilancio del settore della scuola è centrale nella strategia adottata dal Governo Renzi per rimettere in moto l’Italia e farla ripartire dopo la crisi. Gli strumenti messi a disposizione dalla Bce, il nuovo contesto economico internazionale, secondo il ministro del Lavoro Giuliano Poletti dovrebbero consentire anche in Italia una ripresa nel mercato del Lavoro:  “Siamo convinti che le politiche della Bce insieme ai dati generali sul prezzo del petrolio e al rapporto euro-dollaro, producano un contesto che, aiutato dalle politiche economiche e dalle riforme che abbiamo fatto, produrranno la ripartenza della nostra economia e dentro queste ci sono anche le condizioni per avere nuove opportunità di lavoro“.

Anticipazioni Il segreto domenica 8 Marzo: Francisca si confida con Don Anselmo

Eto'o Fabio Capello

Sampdoria – Cagliari 2-0 video gol, sintesi e highlights: Eto’o torna al goal