in ,

Riforme: bagarre alla Camera tra Pd e Sel, espulsi tre grillini

Caos in Aula, durante la seduta notturna (la seconda delle sedute fiume decise mercoledì sera dalla maggioranza) dei parlamentari per l’esame delle riforme alla Camera. C’è stata una “rissa a sinistra” tra alcuni deputati Pd ed altri di Sel, a seguire l’ostruzionismo serrato pentastellato sfociato in bagarre, costata l’espulsione a 3 deputati del M5S: Alessandro Di Battista, Carla Ruocco e Alfonso Bonafede.

“Non potete impedire l’esercizio democratico della parola in quest’Aula, non ne avete il diritto”, ha detto il vicepresidente, Roberto Giachetti. La discussione si è protratta per tutta la notte, e a niente è valso il ripetuto richiamo all’ordine di Giachetti; i deputati grillini gridavano “Onestà! Onestà!”, battendo le mani sui banchi dell’Aula e sventolando i faldoni degli emendamenti. Il premier Matteo Renzi è arrivato dopo l’1,30 a Montecitorio, di ritorno da Bruxelles.

Il pentastellato Roberto Fraccaro aveva proposto una mediazione che superasse l’ostruzionismo del M5S, ovvero accantonare l’art. 15 del ddl riguardante il referendum e procrastinare il voto a marzo, contestualmente a quello finale sul testo. Ma la sua proposta è stata bocciata dal capogruppo del Pd Roberto Speranza. Sfumato un possibile accordo Pd/M5S, da lì poi la situazione è degenerata.

Europa League

Sassuolo – Fiorentina: probabili formazioni Serie A, Mario Gomez verso la panchina

sanremo quarta serata scaletta cantanti

Sanremo 2015, la terza serata è un altro successo di ascolti