in ,

Rigopiano valanga news, polemica ritardo soccorsi: chi ha dato l’allarme non è stato creduto (AUDIO)

Spazzaneve mai arrivato. L’emergenza maltempo, i metri di neve che ostruivano la strada: gli ospiti dell’Hotel Rigopiano già dalla mattina di mercoledì avevano fretta di andarsene, di lasciare la struttura quanto prima. I disagi si percepivano da ore, lo prova il messaggio pubblico apparso sulla bacheca del profilo Facebook ufficiale dell’albergo:

Gli ospiti del Rigopiano però hanno aspettato invano: lo spazzaneve non è arrivato o meglio, il suo arrivo era previsto per le 15, poi posticipato alle 19, quando ormai era troppo tardi. I presenti nella struttura si sono visti costretti a fermarsi lì anche per pranzo, la preoccupazione che avevano è stata certamente alimentata dalle forti scosse di terremoto che dalle 10:25 di quella infernale mattina del 18 gennaio ha investito l’Abruzzo e tutta l’area del centro Italia già colpita dal sisma dei mesi scorsi e piegata da giorni dall’emergenza maltempo. Ciò che poi è accaduto nel pomeriggio è noto: una slavina ha investito l’hotel, forse alle 17,30. Forse, perché ad oggi ancora non si conosce l’esatta dinamica dei fatti, giacché colui il quale per primo ha dato l’allarme segnalando che l’Hotel Rigopiano era stato completamente investito da una valanga non sarebbe stato inizialmente preso sul serio. Da qui il ritardo nei soccorsi e la diffusione della notizia di quel disastro solo a tarda notte.

Leggi anche: Valanga su Hotel Rigopiano news: le foto e le storie di alcuni dei dispersi

Ascoltate l’audio della telefonata di Quintino Marcella, titolare di un ristorante a Silvi Marina, al 112, mandata in onda ieri sera a Piazzapulita:

L’uomo, allarmato, informa l’operatore: “C’è una cosa molto grave a Rigopiano, è crollato tutto l’albergo! Le mie notizie sono accreditate, mandate un elicottero!”, dall’altra parte una voce incredula gli risponde: “Faccia con calma, faccia con calma, adesso … verifichiamo tutto quello che lei mi sta dicendo”. Quintino Marcella in queste ore è stato contattato da diverse testate ed ha ribadito di avere segnalato l’emergenza a tutti “113, 118, ho chiamato i carabinieri, ho chiamato tutti tutti tutti, ma non mi hanno creduto, mi dicevano che era tutto a posto!”.

La Procura di Pescara ha aperto un fascicolo per omicidio colposo, intanto continua incessante l’immane lavoro delle squadre di soccorso sul luogo della tragedia: si scava tra le macerie dell’hotel seppellite da metri di neve. Le vittime accertate sono 4: due corpi sono stati recuperati, apparterrebbero ad un 40enne e un 20enne, gli altri due identificati ma ancora intrappolati sotto i detriti. Degli altri – una trentina di dispersi – ancora nessuna notizia. I superstiti, scampati fortuitamente al disastro, sono due: l’addetto alle caldaie e l’aiuto cuoco dell’albergo. (FOTO SOCCORSO ALPINO DA FACEBOOK)

Anticipazioni Il bello delle donne 4 terza puntata 27 gennaio: ecco cosa vedremo

talent garden vienna

Startup, Talent Garden apre a Vienna: 5mila metri quadri tra coworking, talenti del digitale e formazione