in

Rimborso Imu, le lettere inviate dal Pdl le abbiamo pagate noi

Grazie ad una legge del 1993 secondo la quale il costo relativo alle comunicazioni elettorali grava solo ed esclusivamente sulle casse dello Stato, il Pdl ha finanziato l’invio delle famigerate lettere per il rimborso dell’Imu.

Un vero e proprio affronto ai cittadini che saranno costretti a pagare, per l’ennesima volta e di tasca propria, le iniziative unilaterali dei partiti.

La spesa totale si aggira intorno ai 2 milioni di euro a fronte di 9 milioni di missive recapitate presso le abitazioni degli italiani.

Forti della legge 515 del 1993, infatti, ogni forma di comunicazione “propinata” al pubblico è coperta attraverso il ricorso alla liquidità dello Stato italiano. Da contraltare, i francobolli apposti hanno avuto un costo, per il partito del Cav.,pari a solo 4 centesimi cadauna.berlusconi congiuntivite

Le condizioni valgono per tutti i partiti e non solo per quelli annessi alla coalizione di CentroDestra. Anche gli altri schieramenti,  sia in questa occasione che in quelle passate hanno letteralmente “sfruttato” in pieno il dispositivo di legge per finanziare la propria campagna elettorale.

Leggi anche -> Rimborso IMU, Berlusconi invia lettera agli italiani

Seguici sul nostro canale Telegram

notizie di oggi italia

Marò in Italia, Premier India: “Roma mantenga le promesse”

Google Glass andrà anche sugli occhiali da vista