in

Rimedio anti zanzare: come costruire una trappola fai da te

Le zanzare sono delle “coinquiline” invadenti e fastidiose che molestano il nostro quieto vivere, soprattutto nelle ore notturne. Spesso riempirci di spray e lozioni anti puntura non serve o non basta a tenere lontane queste noiosone. Ecco all’ora un metodo rustico e originale per liberarsene in cinque semplici mosse.

Trappola antizanzare fai da te

Per dare forma al rudimentale ingegno occorre dotarsi di: bottiglia di plastica, acqua calda,  zucchero o miele, e lievito. Per prima cosa bisogna tagliare la bottiglia di plastica in modo tale da crearne un recipiente con la parte inferiore. Contestualmente si fa scaldare l’acqua fino a portarla ad ebollizione. Una volta che l’acqua ha raggiunto questo stadio, si aggiunge e si fa sciogliere completamente lo zucchero. Poi, senza mescolare, si aggiunge il lievito.

La combinazione degli ingredienti da origine ad una reazione chimica che produce un’abbondante quantità di anidride carbonica, sostanza dalla quale le zanzare sono molto attratte. A questo punto, perché la trappola fai da te produca il suo effetto, basterà semplicemente prendere le due parti di bottiglia ottenute tagliandola, incastrarle l’una nell’altra, ossia la parte inferiore e più larga, con la parte superiore, del collo e del tappo, rivolta al contrario, e lasciare che le zanzare, attirate dall’anidride carbonica contenuta nel marchingegno così creato, rimangano intrappolate. Una volta dentro, non riusciranno più ad uscire, e si potranno dormire sonni tranquilli.

 

6 punti tendenze moda

Tendenze estate 2014: i 6 punti chiave per un look estivo a prova di passerella

Gelato artigianale ingredienti strani: Verona capitale del gusto