in ,

Rimini, cadavere figlia in valigia: giunta in Italia la madre di Katerina, dovrà spiegare il perché dell’abbandono del corpo

Rimini cadavere in valigia: è rientrata in Italia in queste ore la madre di Katerina Laktionova, la 27enne morta di anoressia e abbandonata in mare, chiusa in un trolley rinvenuto nel porto di Rimini, e dovrà spiegare perché ha compiuto questo gesto e deciso di non dare sepoltura alla figlia.

Rimini cadavere in valigia: abbandonata dalla madre la 27enne russa morta di anoressia

Atterrata ieri sera a Bologna, la donna, che ha 48 anni e si chiama Galena, è indagata per occultamento e distruzione di cadavere. A lei gli inquirenti erano arrivati attraverso la confessione di un amico, che rivelò dettagli importanti che hanno permesso la identificazione del cadavere rinvenuto in valigia.

La signora Galena dovrà ora chiarire tanti punti di questa ancora oscura vicenda: appena arrivata in Italia è stata condotta in procura per essere interrogata dal pm; dovrà riferire perché non ha fatto curare Katerina, perché non si sia rivolta a delle strutture specializzate quando negli ultimi mesi la figlia aveva completamente smesso di nutrirsi, spegnendosi poco a poco. Alta 1,74 cm, Katerina si era ridotta a pesare 35 chili. Al momento tuttavia nei suoi confronti non è stata emessa alcuna misura cautelare. “È una persona che ha avuto dei momenti tremendi, dietro ciò che è accaduto c’è una vicenda umana di disperazione e dolore enormi … La ragazza era affetta da un’anoressia terribile e la madre non è riuscita ad aiutarla per la sua determinazione a farsi del male e perché non aveva abbastanza mezzi economici per farla ricoverare in una struttura privata”, ha detto il legale della 48enne, Mario Scarpa.

Veronica Peparini Instagram

Amici 16 eliminata Vittoria: le parole di Marcello Sacchetta e Veronica Peparini

Amici 16 eliminato

Dati Auditel 8 aprile 2017: ascolti tv Amici 16 vs Ballando con le Stelle 2017, ecco chi ha vinto