in

Rimini Caren 15enne scomparsa, la madre disperata a Chi l’ha visto?: “Vi prego, lasciatela stare”

Caren scomparsa a Santarcangelo di Romagna (Rimini): la ragazza ha 15 anni a sabato 23 giugno scorso intorno alle 23:30 si è allontanata dalla struttura alla quale è stata affidata dal Tribunale dei minori. Non ha con sé il cellulare. Sta attraversando un periodo di difficoltà e potrebbe avere bisogno di aiuto ed essere in cattiva compagnia. La quindicenne di Bagnarola di Cesenatico è scomparsa. Una ragazza problematica, affidata ad una comunità per via di un rapporto molto conflittuale con la madre e il compagno. La ragazzina già il 15 giugno scorso aveva fatto perdere le proprie tracce, ma in quel caso era stata presto ritrovata dagli agenti del Commissariato di Cesena a Villa Chiaviche tre giorni.

15enne scomparsa a santarcangelo di romagna

La mamma della ragazzina, Elena, ha lanciato un disperato appello e usato parole non certo lusinghiere nei riguardi dei servizi sociali cui in passato si è più volte rivolta per chiedere aiuto quando sua figlia andava in escandescenza, agiva in maniera aggressiva ed incontrollata. Al momento dell’allontanamento, avvenuto intorno alle 23.30 di sabato scorso, Caren indossava una felpa grigia, una maglietta grigia, jeans neri e “Nike” nere. E’ scappata dalla casa famiglia che la ospitava senza portar con sé il telefonino.

“Vorrei fare un appello per aiutarci a trovarla”, ha detto la madre: la donna ha riferito che sua figlia si sarebbe allontanata a bordo di un’auto con due ragazzi magrebini maggiorenni. Poi sarebbe salita su un treno in direzione Bologna. E quindi sarebbe giunta a Bergamo. “Si trova con gente da non frequentare – ha aggiunto la signora Elena, dilaniata all’idea di non sapere dove e in che condizioni sia sua figlia – “In questo momento è proprio quella sbagliata. Non so chi siano, però li prego che la lasciano stare”.

Governo Conte visita alla Casa Bianca, il 30 luglio ospiti del Tycoon

Alberto Angela

Palinsesti Rai autunno 2018, ecco tutte le novità: da Alberto Angela a Rosario Fiorello