in ,

Rimini, ispettore di polizia si toglie la vita: era indagato per assenteismo sul posto di lavoro

Rimini: un ispettore della polizia municipale di Bellaria Igea Marina, si è tolto la vita oggi sparandosi con la pistola d’ordinanza. A indurlo all’estremo gesto forse il fatto che fosse stato iscritto nel registro degli indagati per abuso d’ufficio, nell’ambito di un’inchiesta della Guardia di Finanza di Rimini sull’assenteismo. L’ispettore era stato convocato in tribunale per le indagini preliminari, e proprio oggi, giovedì 19 ottobre, era atteso dal giudice.

Potrebbe interessarti anche —> Cristiano De André esposto contro la figlia Francesca per accuse in tv: aperta un’inchiesta a Tempio

La tragedia è accaduta questa mattina, prima di presentarsi all’interrogatorio. A.S. si è ucciso sparandosi con la pistola d’ordinanza. Il gip avrebbe dovuto decidere su un’eventuale misura interdittiva (la sospensione dal lavoro) nei suoi confronti, richiesta della Procura della Repubblica che l’aveva iscritto nel registro degli indagati per l’ipotesi di reato di abuso d’ufficio, nonché assenteismo sul posto di lavoro.

Quando stamani l’ispettore non si è presentato davanti al giudice, immediatamente sono stati contattati i colleghi della municipale che hanno trovato l’uomo a terra, esanime, in una pozza di sangue. Si è sparato dietro la scrivania del suo ufficio, al Comando dei vigili urbani di Bellaria. La stanza era chiusa a chiave ed è stato necessario sfondare la porta per farvi ingresso. Sul posto sono arrivati gli uomini della scientifica per effettuare tutti i rilievi del caso, coadiuvati dai carabinieri del nucleo investigativo del reparto operativo del comando provinciale di Rimini.

cristiano de andré figlia

Cristiano De André esposto contro la figlia Francesca per accuse in tv: aperta un’inchiesta a Tempio

lavoro natale 2018

Offerte di lavoro Natale 2017: oltre 1500 opportunità in tutti i settori