in ,

Ringo Starr Concerti 2016, in North Carolina non si suona: “Colpa della legge”

E va bene il primo, prendiamo per buona la scelta anche del secondo, ma con il terzo la situazione inizia a farsi pesante. Ringo Starr, uno dei volti più celebri della musica internazionale, ha deciso di annullare il suo concerto previsto in North Carolina. L’ex batterista e, occasionalmente, front-man dei “Beatles”, ha deciso di seguire le orme di altri artisti come Bruce Springsteen e Bryan Adams: Ringo Starr, infatti, ha annullato l’evento previsto in North Carolina come segno di protesta nei confronti della legge anti-transessuali.

SCOPRI COSA HA FATTO BRUCE SPRINGSTEEN GRAZIE A URBANPOST

Ringo Starr, con un duro comunicato, ha annunciato come l’idea di doversi esibire in un paese in cui sono lesi i diritti degli altri non lo entusiasma; perciò, l’ex batterista dei Beatles, si è schierato apertamente contro la cosiddetta “legge dei bagni”, ovvero la norma secondo cui le persone non etero dovranno utilizzare altri servizi igienici pubblici, creando così forti disagi alla comunità. Ringo Starr, impegnato con il suo tour 2016 con cui presentare l’ultimo lavoro realizzato in studio, “Postcards From Paradise”, è uno degli artisti più amati dell’intero panorama musicale e ha avuto la fortuna di essere scelto, alle volte, come volto cinematografico.

VUOI RESTARE AGGIORNATO SULLA MUSICA? SEGUI URBANPOST!

Ringo Starr, infatti, lo possiamo ricordare in pellicole fortunate come, ad esempio, “Candy e il suo pazzo mondo” in cui ha avuto la fortuna di recitare al fianco di Marlon Brando. Tornando ai fatti noti del North Carolina, l’artista ex Beatles ha così commentato la sua scelta: “Mi dispiace molto deludere i miei fan – ha scritto Ringo Starrma non posso restare indifferente a questo odio delle associazioni politiche e dobbiamo prendere una posizione decisa e netta.”

Uomini e Donne Trono Over protagonisti

Anticipazioni Uomini e Donne puntata 14 Aprile: in onda il trono classico o over?

referendum trivelle 17 aprile risultati in tempo reale

Referendum trivelle 17 aprile cosa votare: ecco quanto petrolio produce l’Italia