in ,

Riscaldamento globale: rapporto IPCC, dieci anni per cambiare rotta

Gli scenari climatici dei prossimi decenni sarà il tema del congresso.

Secondo l’ultimo rapporto, redatto nel 2007, fu lanciato un grido sul futuro del pianeta, il campanello d’allarme suonato dal panel del Premio Nobel per la Pace, ex aequo con l’ex vicepresidente americano Al Gore, autore del celebre documentario “Una scomoda verità”, nel quale presentava al grande pubblico le prove di come il riscaldamento globale fosse opera dell’uomo. Nel nuovo rapporto ha scatenato un forte allarmismo tra gli esperti, secondo le prime indiscrezioni, resterebbero dieci anni per invertire la tendenza. Se non ci riusciamo, entro la fine del secolo la temperatura media mondiale salirà di 3,7°, e il livello dei mari salirà di 60 centimetri.
pachauri


La probabilità che il riscaldamento globale degli ultimi 60 anni sia dovuto all’influenza umana è quindi aumentato, una probabilità pari al 95%. Entro il 2030, secondo l’IPCC, le emissioni di gas serra prodotte dalla civiltà umana dovranno essere tagliate del 60% rispetto ai livelli attuali. Ma per riuscire in questa missione sarà necessario accelerare la conversione energetica, riducendo sempre più il ricorso al carbone, ma anche al petrolio e al gas naturale. La soluzione, secondo la consulta dovrebbe pendere verso energie rinnovabili e nucleari, quindi a emissioni zero, dovranno aumentare la loro quota all’interno dell’utenza energetica dei principali paesi industrializzati del mondo. Oltre a rendere gli edifici più eco sostenibili.

Seguici sul nostro canale Telegram

anticipazioni provaci ancora prof 5

Provaci ancora Prof 5 anticipazioni: terza puntata

una grande famiglia

Riccardo Polizzy Carbonelli rivela su UrbanPost come inizierà la seconda serie di “Una grande famiglia”: si comincia con la spiegazione del mistero di Edoardo Rengoni