in ,

Roberta Ragusa, Antonio Logli prepara la sua strategia difensiva in prima persona

Se ne sta occupando in prima persona, affiancato dal suo legale Roberto Cavani. Antonio Logli sta studiando le carte – circa 10mila pagine – dell’inchiesta che lo vede unico sospettato ed indagato per la sparizione di Roberta Ragusa. Il marito della mamma di Gello di San Giuliano Terme, in provincia di Pisa, scomparsa misteriosamente dalla sua abitazione nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012, non lascia niente al caso, intento più che mai a preparare la sua difesa al processo e a smantellare le accuse mossegli.processo caso Roberta Ragusa

Logli è infatti accusato di omicidio volontario aggravato, e per confutare tale accusa in sede di processo, sta minuziosamente passando al vaglio tutte le intercettazioni telefoniche e ambientali, i verbali di sopralluoghi, le testimonianze e i profili psicologici e comportamentali fatti dagli inquirenti nel corso delle indagini.

Fonti Ansa ieri sera hanno fatto sapere che il termine ultimo della difesa per presentare nuovi ed ulteriori supplementi investigativi scadrà il 12 ottobre, ma che con ogni probabilità la procura concederà all’indagato e al suo legale qualche giorno in più prima di formulare la richiesta di rinvio a giudizio.

Domnica Cemortan sfida Schettino

Costa Concordia, Domnica Cemortan sfida Schettino: “Mi querela? Non lo temo”

Anticipazioni Beautiful mercoledì 8 ottobre: Katie finge il malore