in ,

Roberta Ragusa, il marito sarà processato? La Cassazione si pronuncerà il 17 marzo

Avrà inizio domani 17 marzo alle 9, l’analisi dei giudici della prima sezione penale della Cassazione, a Roma, delle cinque cause di ricorso contro il proscioglimento di Antonio Logli, presentate dalle procure di Pisa e da quella generale di Firenze, delle tre parti civili rappresentate dagli avvocati Nicodemo Gentile per l’associazione Penelope; Gaetano Turcio per cugine e cugini della vittima di Pisa e Lucca, ed Enrico Maria Gallinaro per gli altri parenti romani.

Il 53enne Antonio Logli, nei confronti del quale lo scorso 6 marzo il Gup, Giuseppe Laghezza, aveva stabilito il ‘non luogo a procedere’ per insufficienza di prove, era stato a lungo indagato per l’omicidio della moglie, Roberta Ragusa, madre dei suoi due figli, scomparsa misteriosamente nella notte tra il 13 il 14 gennaio 2012 dalla sua casa in via Dini a Gello di San GiulianoTerme, e il cui corpo non è ma stato ritrovato.

La Cassazione dovrà ora stabilire se ci siano o meno le condizioni per arrivare a un processo a carico di Antonio Logli, decidendo per la richiesta di rinvio a giudizio o la definitiva archiviazione del caso La sentenza è attesa per la tarda serata di domani o al massimo per venerdì 18 marzo.

David Gilmour

David Gilmour tour 2016 Italia, Franceschini: “Doppia tappa a Pompei”, ecco date e prezzi

disturbi alimentari

Disturbi alimentari e Fiocchetto Lilla: si muore male, indagare la psiche al posto che dare colpe alla modella magra