in ,

Roberta Ragusa, rinvio a giudizio per Antonio Logli: il punto della situazione

Tra qualche ora sapremo con certezza che Antonio Logli sarà rinviato a giudizio perché accusato di avere ucciso sua moglie Roberta Ragusa nella notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012. La procura della Repubblica di Pisa potrebbe trasmettere al Tribunale la richiesta di rinvio a giudizio già nelle prossime ore. Pesanti le accuse per Logli che dovrà difendersi in sede di processo: omicidio volontario e distruzione di cadavere.

Il pubblico ministero Aldo Mantovani e il procuratore Ugo Adinolfi molto probabilmente firmeranno l’atto entro il prossimo week end, e così la richiesta di processo per Logli sarà inoltrata all’ufficio del Gip che potrebbe fissare l’udienza preliminare entro la fine di dicembre. Logli è iscritto nel registro degli indagati da due anni e mezzo; il suo legale non ha tuttavia mai avanzato alcuna richiesta da parte del suo assistito, che ha scelto la strada del silenzio.

Nella relazione extraconiugale con Sara Calzolaio – che al tempo della scomparsa di Roberta durava già da 8 anni – per gli inquirenti sarebbe maturato il movente del delitto. Antonio Logli avrebbe voluto lasciare sua moglie, ma esitava a farlo per questioni economiche. A confermarlo una prostituta che nel 2011 dopo alcuni incontri avrebbe raccolto le confessioni dell’uomo. La testimonianza della donna è agli atti.

Trono Classico Teresa Cilia

Uomini e Donne trono classico: boom di ascolti per Teresa

Ultime notizie calciomercato Napoli: Bigon in Inghilterra, l’obiettivo è Cissokho