in

Roberta Ragusa uccisa per motivi economici: la lista della spesa prima di sparire, emerge dettaglio importante

Roberta Ragusa è stata uccisa dal marito per motivi economici. E’ scritto nero su bianco nelle motivazioni della sentenza di secondo grado con cui la Corte d’Appello di Firenze ha confermato la condanna a 20 anni di reclusione per il marito della donna, Antonio Logli. L’uomo all’epoca dei fatti aveva un’amante da anni (sua attuale convivente), e la notte del 13 gennaio 2012 Roberta aveva scoperto che la donna con cui il marito la tradiva era Sara Calzolaio, la giovane baby sitter dei loro figli nonché sua amica e conoscente. Uno shock per la donna, che dopo un litigio fuggì fuori casa in preda alla disperazione, inseguita dal marito.

ROBERTA RAGUSA figlio

Roberta Ragusa uccisa dal marito per motivi economici

Se Roberta Ragusa avesse divorziato da Logli (ormai era inevitabile), lui avrebbe perso tutto: casa, autoscuola, proprietà, molte delle quali erano intestate alla moglie. Questo per la Corte il motivo per il quale avrebbe ucciso Roberta e distrutto il suo cadavere. Quello a carico di Logli è sì un processo indiziario – lo spiegano bene i giudici nelle motivazioni della sentenza – ma nonostante ciò il compendio probatorio a carico dell’indagato non è stato affatto intaccato. Il castello accusatorio contro Logli regge, reso granitico dalla testimonianza di Loris Gozi, super testimone al processo e reputato attendibile dalla Corte. Per i giudici è assolutamente “fantasiosa” l’ipotesi paventata dall’imputato dopo la denuncia di scomparsa di Roberta e portata avanti nei due processi dai suoi difensori: l’allontanamento volontario.

TUTTO SUL CASO ROBERTA RAGUSA LEGGI SU URBANPOST 

caso roberta ragusa news

Roberta Ragusa e la lista della spesa: il particolare della sua grafia che emerge solo ora

Roberta Ragusa, madre amorevole, mai avrebbe abbandonato i figli.Questo è emerso dalle indagini. Aveva dei progetti, delle visite mediche in programma a breve per sé e per la figlia, e la sera in cui apprese dei tradimenti del marito perché lo sentì in soffitta amoreggiare al telefono con l’amante, stava scrivendo la lista della spesa da fare l’indomani. Qualcosa ha interrotto quel momento, tant’è che la lista fu scritta con due penne diverse, e nella seconda ed ultima parte la grafia è diversa, alterata, come se mentre scriveva la donna fosse agitata. In quel frangente accadde ciò che mai avrebbe immaginato: scoprire che l’amante del marito era la giovane baby sitter dei suoi figli. Questa la ricostruzione dei fatti secondo i giudici. “Un’enorme emozione e paura”, con questi sentimenti nel cuore, Roberta Ragusa si sarebbe allontanata da casa quella fredda notte d’inverno. Indossava il pigiama: “Allarmata, in stato di allerta ma ansiosa di raggiungere la verità fino ad allora sfuggita, deve essersi posta in stato di vigilanza, spiando le mosse del marito e cercando di carpirne i dialoghi, ma poi è stata essa stessa scoperta”, scrivono i giudici della Corte d’appello di Firenze che hanno condannato il marito. La difesa di Antonio Logli ha già annunciato il ricorso in cassazione.

Tina Cipollari lascia “Uomini e donne”? Ecco chi potrebbe sostituirla

VIGILI DEL FUOCO

Venezia barca si rovescia in Laguna: un morto e quattro feriti lievi, 2 incidenti in meno di 24 ore

Back to Top