in

Roberto Bolle supertestimonial per Eni: “Voglio un Expo-vetrina per artisti italiani” (Foto)

Fuori dalla Scala c’è un ingorgo di persone che si sta chiedendo cosa ci facciano tutti quei giornalisti e quelle telecamere a mezzogiorno all’ingresso del Teatro del Piermarini. Roberto Bolle chiama e Milano risponde, questa è la risposta. Eni ha deciso di avvalersi di un testimonial come l’etoille scaligera per raccontare il proprio concetto di energia e, al fine di nobilitare il concetto ulteriormente, lascia la realizzazione del video (che sta girando da ieri in tv e sul web con le evoluzioni meravigliose del ballerino in aria) ad un professionista come Fabrizio Ferri.

scala

Vespa Scala

campagna eni

IMG_2295IMG_2283

IMG_2274

A impreziosire ulteriormente lo splendido video la voce fuori campo del premio Oscar Tony Servillo. Arriva e tutti gli occhi sono puntati su di lui – soprattutto i flash dei fotografi – perché il 35enne ballerino di origine piemontese è considerato una vera e propria star e conta tantissimi fan non necessariamente innamorati esclusivamente della bella danza, bensì di questo incredibile professionista innegabilmente avvenente. Ma la volontà di Roberto Bolle è quella di convogliare l’attenzione mediatica sull’arte, in tal senso chiede che lo Stato metta gli enti privati nelle condizioni di sostenere l’arte italiana.

Dopo aver sottolineato il proprio legame viscerale con la Scala – che l’ha accolto appena undicenne e spaventato all’idea di lasciare Vercelli – si concentra sull’Expo 2015. L’etoille intende proporre qualche idea speciale al Comune di Milano, magari ballare in Piazza Duomo, perché no? L’importante, sottolinea Roberto Bolle, è che l’Expo sia una vetrina per gli artisti italiani…con relativa piccola stilettata a chi intende porre l’attenzione su Cirque Du Soleil.

Foto a cura di Nazarena Nespoli

Edin Dzeko

Mercato, Inter: per l’attacco il favorito rimane Edin Dzeko

Car-surfing gioco mortale

VIDEO – Car-surfing, arriva in Italia dall’America il gioco che sfida la morte: l’incidente di Livorno