in

Robin Thicke confessione choc: “La droga è la mia musa”

Robert Thicke non perde il suo dannato gusto alla provocazione: dopo “Blurred Lines”, il cui video abbastanza spinto ha destato la moralità di molti, il cantante statunitense torna sotto i riflettori con una confessione choc.La droga è il mio sostegno e la mia musa”, ha dichiarato Thicke, che ha così messo in piazza la sua dipendenza dalla cannabis, dalla quale dice di non riuscire a separarsi più.

thicke droga

Ben 600mila dollari è la cifra che Robin Thicke avrebbe speso per l’acquisto di erba et similia. “Ho un amico che ha un negozio e da lui posso avere erba usata per scopi medicinali”, ha raccontato il cantante. Robin ha anche ammesso di aver provato a smettere ma di non esserci riuscito: stando alle sue dichiarazioni, il 36enne farebbe regolare uso di erba in casa sua. Sarà forse questo il motivo della scarsa lucidità agi ultimi Bet Awards della moglie ed attrice Paula Patton?

Per chi conosce bene Thicke ed il suo passato, questa storia non sarà certo una novità… Lo scorso anno il cantante di “Blurred Lines” è stato infatti beccato dalla polizia nei pressi del Madison Square Park di Manhattan: a bordo del suo Suv è stata infatti trovata della maijuana per uso personale. La confessione di Thicke è soltanto l’ultima di una lunga serie tra gli artisti d’oltreoceano: poche settimane fa, il rapper sudcoreano Psy ha infatti ammesso la sua dipendenza dall’alcol, lasciando increduli milioni di fans.

Seguici sul nostro canale Telegram

Andrea e Tatiana

Andrea Casiraghi e Tatiana Santo Domingo si sposeranno entro fine mese

vincitore amici 12

Moreno Donadoni rivela il suo passato nel calcio: “Mi sentivo Giovinco”