in ,

Robin Williams: cosa ci ha insegnato nel film “L’attimo fuggente”?

Robin Williams non è semplicemente un altro attore morto per l’elevato consumo di droga. Lui non è solo una celebrità il cui modo di vivere è diventato la causa della sua morte, vivendo uno spericolato abbandono. La morte di Robin Williams è una perdita profonda e tragica per l’intero settore dello spettacolo, per la nostra generazione e per quella precedente. Egli è un’ispirazione e continuerà a essere ricordato da molti.Attraverso un ruolo, Robin Williams ci ha commosso, ci ha fatto mettere in discussione, ci fatto insorgere contro l’opposizione, ci aiutato a cogliere l’attimo, ci ha insegnato a usare la nostra voce, a lasciare un segno, a essere fedeli ai nostri amici e a trovare il coraggio di essere diversi. In quel ruolo, noi lo conoscevamo come Mr. Keating. In “L’attimo fuggente” le sue lezioni continuano a riecheggiare.

bufala web robin williams vivo

La celebre frase: “Oh capitano, mio capitano” ci ha cambiati. Robin è riuscito a parlare con la nostra anima e ci ha resi più forti e migliori. Abbiamo messo in discussione lo scopo della vita e il significato dell’esistenza. Giornalmente, combattiamo per stabilire i nostri obiettivi nel tentativo di dimostrare la nostra passione. Non si ferma solo perché invecchiamo. Nel frattempo, ci aggrappiamo alle regole, ai limiti e alle linee che sono state abbozzate per noi da persone diverse e ci sforziamo di soddisfarle. Uccidiamo le nostre voci mentre combattiamo per conformarsi alle voci che hanno parlato prima di noi. Mr. Keating, con l’aiuto di Robin Williams, ha insegnato alla nostra generazione a dire di no al conformismo e allo status-quo del pensiero.

Egli ci ha insegnato che quando veniamo sfidati con le domande: “Perché siamo qui?” “Perché io” “Qual è lo scopo della vita?” dovremo riflettere sulle risposte e vivere affrontando un gioco, la vita. Di fronte al suicidio, alla perdita, al dolore e ai mezzi a disposizione, il gioco deve andare avanti e noi siamo quelli che lo conducono. Non c’è alcuna vittoria nella morte; nessuno vince. Non importa la connessione con Williams, molte vite sono destinate a finire, se una sola perdita non ci porterà a riflettere. Mentre piangiamo e digitiamo hashtags per commemorarlo, non dimenticate il ruolo che avete nel vostro gioco. Ascoltate la vostra voce e iniziate a vivere come se fosse l’ultimo giorno.

alfonso vitale

Un Posto al Sole anticipazioni: Emiliano De Martino ritornerà ad ottobre nei panni di Alfonso Vitale

luca e luce uomini e donne gossip

Uomini e donne gossip: Luca Viganò e Luce di nuovo insieme ma soltanto per la verità sulla rottura