in

Robin Williams malattia: parla la moglie ‘Vi racconto il suo ultimo anno di vita’

Robin Williams passò l’ultimo anno fra attacchi di panico, allucinazioni, tremori e incontrollabili stati ansiosi. Così scrive la moglie del famoso e amatissimo attore, suicidatosi l’11 agosto 2014. All’ultimo periodo di vita di suo marito, Susan Schneider ha dedicato un lungo e commovente articolo pubblicato sulla rivista Neurology dal titolo ‘Il terrorista nel cervello di mio marito‘.

Nel 2013, spiega Susan, cominciarono i primi sintomi: “Aveva un tremore alla mano sinistra, problemi di stomaco, insonnia e attacchi di panico. L’olfatto diminuiva. Non riusciva più a controllare l’ansia“. Paranoia, ansia, attacchi di panico e instabilità emotiva, la vita di Robin Williams cominciava, lentamente ma inesorabilmente, a trasformarsi in qualcosa di tremendo e incontrollabile. Si fece strada anche la perdita di memoria, un sintomo, racconta Susan Schneider, che divenne chiaro durante le riprese di ‘Una notte al museo 3‘ con Ben Stiller: da un momento all’altro non era più in grado di ricordare le sue battute.

Nell’articolo spiega anche quanto sia stato lungo il calvario tra medici, ospedali e specialisti, tutto nel tentativo di capire di quale problema soffrisse suo marito. Robin diceva spesso alla moglie di voler ‘riavviare il cervello‘: “Voglio solo riavviare il mio cervello: ho l’Alzheimer, la demenza, sono schizofrenico?” C’erano momenti in cui era completamente attivo e lucido, altri nei quali diceva e compiva azioni senza alcun senso. Alla fine gli è stata diagnosticata la Demenza dei corpi di Lewy, una malattia neurodegenerativa correlata al Morbo di Alzheimer e quello di Parkinson. Ne soffrono milioni di persone solo negli Stati Uniti.

Ad ogni modo, nulla faceva pensare a un gesto come il suicidio da parte dell’attore. La situazione si era un po’ stabilizzata nell’ultimo periodo e la stessa moglie ha smentito alcune voci relative alla possibilità che Robin facesse uso di droghe o abusasse dell’alcool. Assumeva solo le medicine prescritte dai medici. La sera prima della sua morte, tutto sembrava tranquillo e anche lui era sereno, ha ricordato Susan: “In quei giorni di agosto sembrava tranquillo. Quella domenica siamo andati a letto augurandoci la buona notte, come sempre. Mi disse “Buonanotte, amore mio“. Il mattino successivo Robin venne trovato impiccato nella sua villa in California.

Seguici sul nostro canale Telegram

Empoli Juventus Serie A

Empoli – Juventus risultato finale: 0-3 Dybala e Higuain regalano tre punti

ricette dolci, ricette dolci autunno, ricette dolci torte autunno, dolci autunno, dolci da preparare in autunno,

Ricette dolci: 5 torte da preparare (e gustare) in autunno [FOTO]