in

Robo Brain, il supercervello che impara da internet

Un supercervello alimentato da internet. La Cornell University ha messo a punto, in collaborazione con i college di Stanford e Berkeley, un robot in grado di apprendere concetti dalla rete, interpretare parole, immagini e video. Si tratta di Robo Brain.
La macchina sta scaricando una quantità di informazioni sorprendente. Una raccolta da un miliardo d’immagini, 120mila video di YouTube e 100 milioni di manuali. Il tutto viene poi analizzato e tradotto per essere fruito, in linguaggio macchina, da altri robot partecipanti al progetto.

home sito robo brain

Sul sito dedicato a Robo Brain si legge: “Osservo gli umani con i miei sensori e imparo cose interagendo con loro”. Il sistema viene rappresentato come un cervello stilizzato con faccia quadrata che ricorda quella di un automa. Imparo concetti cercando su Internet e posso interpretare il linguaggio naturale, immagini e video”.

Insegnare qualsiasi cosa dal mondo degli umani. Questa è il fine ultimo da raggiungere secondo il gruppo di ricerca coordinato da Ashutosh Saxena: “I nostri computer e i telefonini hanno accesso a tutte le informazioni che vogliamo. Allo stesso modo, se in futuro un robot si imbatterà in una situazione che non conosce potrà chiedere aiuto a Robo Brain“, afferma Saxena.
Trasmettere l’esperienza umana a Robo Brain è una delle strade possibili affinché, ad esempio, un robot sia in grado di capire quale liquido possa essere versato all’interno di una tazzina di caffé. Un’ottima idea messa a punto dal team di americani per immaginare un futuro non molto prossimo abitato da uomini e macchine in grado di convivere insieme, sia a casa che al lavoro.

Mercato Torre del Greco uomo muore di infarto

Torre del Greco, bancarelle ostruiscono passaggio ambulanza: 61enne muore di infarto

Delitto Eur novità indagini

Roma delitto Eur: Leonelli voleva filmare decapitazione domestica